conivar banca cattolica cro
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Lo dice l'ordinanza del sindaco, Francesco de Rebotti, emanata a seguito dei sopralluoghi tecnici effettuati

Narni  - Sono attualmente diciotto gli edifici privati dichiarati non utilizzabili a seguito del terremoto del 24 agosto. Lo dice l'ordinanza del sindaco, Francesco de Rebotti, emanata a seguito dei sopralluoghi tecnici effettuati. L'elenco è stato redatto dopo la conclusione dei controlli relativi alle 410 domande inerenti la verifica delle condizioni di agibilità post sismica degli edifici. "Questo elenco - spiega il sindaco nell'ordinanza - costituisce una prima indicazione dei soggetti interessati ai quali potranno comunque essere aggiunti ulteriori nominativi al momento non riportati per effetto del carattere di speditezza che ha contraddistinto la fase di rilievo con metodologia 'Fast'". (rilevamento sui Fabbricati per l'Agibilità sintetica-post terremoto, ndr).  (ptn 164/17 )

 (del 27/02/2017 in Cronaca)
 

Per consentire lo svolgimento delle verifiche tecniche a seguito dell'odierno sisma

(ON/AF) - ORVIETO - A scopi precauzionali al fine di consentire il regolare svolgimento delle verifiche tecniche sulle strutture, per le giornate di domani Lunedì 31 ottobre e Mercoledì 2 novembre è stata disposta la chiusura dei tre Asili Nido comunali e privati ricadenti nel territorio comunale.

 (del 30/10/2016 in Cronaca)
 

Da parte della Protezione Civile saranno effettuati controlli nei luoghi come i cimiteri che in queste giorni di festività possono essere più frequentemente visitati dalle persone

(ON/AF) - ORVIETO -  A seguito della nuova forte scossa di magnitudo 6.5 registrata questa mattina con epicentro tra Preci e Norcia, la Protezione Civile fa sapere che per il momento ad Orvieto non sono segnalati danni né a cose né a persone.

Controlli saranno effettuati anche nei luoghi come i cimiteri che in queste giorni di festività possono essere più frequentemente visitati dalle persone.

I tecnici dei Vigili del Fuoco, del Comune di Orvieto e della Protezione Civile sottoporranno a ulteriori controlli gli edifici pubblici e le scuole del territorio comunale, già chiuse nella giornata di lunedì 31 ottobre per il ponte di Ognissanti.

 (del 30/10/2016 in Cronaca)
 

Asili e monumenti rimarranno chiusi fino al 2 novembre a Narni. A Montefranco sono in corso verifiche su un edificio.  A Giove chiuso il castello. La decisione  per via del crollo di un camino e di una porzione del tetto e per una serie di lesioni generalizzate

Terni -  Asili e monumenti rimarranno chiusi fino al 2 novembre a Narni. Ne dà notizia il sindaco Francesco de Rebotti che ha emanato stamattina un'ordinanza in merito al sisma delle 7.41 e ai successivi sopralluoghi svolti. Gli asili che rimarranno chiusi sono quelli dell'Ape Maia e del Grillo Parlante, fra centro storico e Scalo, e quello di Nera Montoro, mentre le scuole saranno chiuse per festività. Chiusi anche, fra i monumenti, il teatro comunale, il museo di Palazzo Eroli, la Rocca Albornoz, l'auditorium Bortolotti a San Domenico, il cinema Vittoria, i sotterranei di San Domenico e il Palazzo degli Scolopi. "In tutti i casi - puntualizza il sindaco - si tratta di decisioni a scopo precauzionale". A Giove il sindaco Alvaro Parca ha dichiarato inagibile il castello. La decisione è stata assunta per via del crollo di un camino e di una porzione del tetto e per una serie di lesioni generalizzate. La zona è stata transennata. A Montefranco sono in corso verifiche su un edificio, mentre la sindaca Rachele Taccalozzi sta verificando l'eventuale messa a disposizione di posti letto. A Guardea infine il sindaco Giampiero Lattanzi, dopo aver interdetto l'utilizzo delle chiese dei Santissimi apostoli Pietro e Paolo e di Sant'Egidio, ha vietato anche le lezioni di catechismo sempre per motivi di sicurezza. (ptn 810/16 11.23)

 (del 30/10/2016 in Cronaca)
 

La messa delle 11.00 già programma per oggi ad Amelia con il vescovo monsignor Piemontese verrà svolta in piazza XXI Settembre. Anche a Guardea il sindaco Giampiero Lattanzi ha decretato l'inagibilità di due chiese

AMELIA   - La sindaca di Amelia Laura Pernazza ha dichiarato inagibile la chiesa di San Francesco e vietato per oggi con un'ordinanza, a scopo precauzionale, l'utilizzo di tutti gli altri edifici religiosi della città. "La chiesa di San Francesco - dichiara la sindaca - presenta lesioni e danni agli intonaci tali da indurci a dichiararla non agibile. Per tutte le altre abbiamo registrato distaccamenti di intonaci ed altri danni che dovremmo approfondire nelle prossime ore. Eseguiremo sopralluoghi accurati ma per oggi, visto anche il periodo a ridosso delle festività dei morti, abbiamo ritenuto necessario decretarne la chiusura". La messa delle 11.00 già programma per oggi con il vescovo monsignor Piemontese verrà quindi svolta in piazza XXI Settembre. Anche a Guardea il sindaco Giampiero Lattanzi ha decretato l'inagibilità di due chiese. Si tratta di quella dei Santissimi apostoli Pietro e Paolo e della chiesa di Sant'Egidio già lesionata dalle precedenti scosse sismiche.  (ptn 809/16 10.02)

 (del 30/10/2016 in Cronaca)
 

Provincia, Dit e Comuni rassicurano su strutture e siti

Terni -  Le verifiche effettuate dagli uffici tecnici dei comuni del territorio provinciale, e per quanto di competenza, dalla Provincia, sulle strutture pubbliche e private non hanno evidenziato criticità, crolli o situazioni di particolare pericolo dovute alle conseguenze del terremoto che ha colpito Amatrice, Accumoli, alcune zone dell'ascolano e dell'Umbria. Il presidente Leopoldo di Girolamo e l'amministrazione provinciale stanno seguendo anche gli aspetti economici derivanti dal sisma, in particolare nel settore turistico. Secondo quanto reso noto dal Dit l'effetto mediatico del terremoto nel reatino-ascolano ha determinato inevitabilmente una contrazione degli arrivi e delle presenze in questi ultimi giorni nelle principali località turistiche del territorio provinciale. "A seguito del sisma - spiega Stefano Notari, presidente del Dit - le strutture ricettive e le società di servizi hanno registrato innumerevoli cancellazioni riportando notevoli perdite relativamente agli arrivi e presenze turistiche attuali e previsionali. In ragione di ciò è stata inviata una lettera alle istituzioni locali per sensibilizzare un loro fattivo intervento a sostegno degli operatori economici del territorio. Il consorzio si è attivato per garantire al turista la sicurezza, la fruibilità dei principali siti e la comunicazione con i visitatori stessi e si impegna a raddoppiare le forze per intrattenere i flussi nella nostra zona. Teniamo a sottolineare che nel ternano non ci sono stati danni e che tutti i siti turistici sono sicuri e sotto controllo, non essendo stati danneggiati in nessun modo dal sisma. È in corso di realizzazione - informa sempre Notari - sia un innovativo sistema di booking on line attraverso il quale il turista potrà prenotare, in completa autonomia, non solo il soggiorno, ma anche una serie di servizi aggiuntivi, sia un video promozionale del territorio. Verranno inoltre attivate delle campagne promozionali sia sul web che sui tradizionali mezzi di comunicazione".

Secondo le previsioni, il fenomeno inciderà soprattutto nel periodo di settembre, mentre ad agosto l'andamento turistico è stato definito positivo dagli operatori. Elisabetta Ruozi Berretta, membro del cda Dit e imprenditrice del settore, conferma l'andamento negativo degli ultimi giorni. "Stiamo registrando - dice - cancellazioni e mancate prenotazioni che in alcune aree, come a Piediluco, arrivano anche al 50%. Bisogna comunque distinguere tra zone e attività, essendo il fenomeno variegato e non sempre omogeneo". La Ruozi Berretta sottolinea inoltre "l'importanza di operare in raccordo con la Regione e con le istituzioni territoriali. In questo momento - puntualizza - occorre lavorare in maniera coordinata come sistema Umbria, essendo tra l'altro in atto alcune iniziative promozionali importanti. Attualmente - conclude - siamo nella fase di valutazione generale, anche perché l'effetto mediatico ed emotivo del terremoto è ancora molto presente ed è bene quindi attendere che il quadro complessivo si definisca meglio nei prossimi giorni, sperando anche che lo sciame sismico termini". La prospettiva degli operatori del settore è adesso quella di lavorare per recuperare in occasione delle feste natalizie e del periodo pasquale del prossimo anno.

Iniziative di solidarietà - Intanto il Dit fa sapere che "oltre ad essere vicino alle famiglie colpite così duramente da questo evento, in accordo con i propri associati, sta cercando di essere di supporto alle zone maggiormente colpite. A tale fine - informano Notari e l'amministratore delegato Roberto Bartolini - le strutture aderenti  al consorzio hanno deciso di donare 1 euro al giorno per ogni camera venduta per la durata di 15 giorni a partire dal 1° settembre,  incentivando altresì la clientela ha contribuire volontariamente all'iniziativa. Le somme raccolte verranno versate sul conto corrente attivato dalla Regione Umbria IBAN IT32R0200803033000104429137 causale: "Regione Umbria_Sisma Agosto 2016". (ptn 645/16   15.00)

 (del 02/09/2016 in Cronaca)
 

La decisione è stata presa dalla Provincia di Terni, in accordo con Atc e Partners Mobilità scarl, dopo aver accolto le esigenze degli studenti formulate dai Comuni e dalle scuole interessate

Terni -   Scatteranno il 12 settembre le variazioni al trasporto extraurbano per gli studenti dell'istituto agrario "B. Marchino" di Fabro. La decisione è stata presa dalla Provincia di Terni, in accordo con Atc e Partners Mobilità scarl, dopo aver accolto le esigenze degli studenti formulate dai Comuni e dalle scuole interessate nel corso di una riunione indetta dalla Regione nella sede di Terni. Il provvedimento riguarda l'incremento delle linee extraurbane Perugia-Fabro-Orvieto e Fabro-Orvieto. La misura adottata non aumenterà i costi poiché si equilibrerà con la revisione di alcune corse a più bassa frequentazione. (ptn 639/16   12.02)

 (del 31/08/2016 in Cronaca)
 

Attivato il coordinamento e aperto un conto corrente per le donazioni. Moneta: "Faremo la nostra parte"

Canepina  - Si è svolta nei giorni scorsi, presso la sede comunale di Canepina, una riunione tra l'amministrazione, la parrocchia e le associazioni del territorio per programmare e coordinare la raccolta di fondi e di generi di prima necessità da inviare alle popolazioni colpite dal terremoto. All'incontro, voluto dal sindaco del centro cimino Aldo Maria Moneta, hanno preso parte i rappresentanti di tutte le realtà presenti sul territorio.

Sono stati definiti ruoli, responsabilità e attività da compiere in modo che tutto avvenga con il massimo coordinamento. La parrocchia, come ha ricordato don Gianni Carparelli, ha messo a disposizione anche dei posti letto per l'eventuale ospitalità delle famiglie. E' stato aperto un conto corrente sul quale verranno fatte confluire le donazioni dei cittadini di Canepina (IBAN: IT57O08931729300000307639908).

"Ringrazio tutti quelli che hanno risposto all'appello del Comune - ha detto il sindaco Aldo Maria Moneta - perché hanno dimostrato ancora una volta il forte sentimento di solidarietà che anima il nostro popolo. Il nostro obiettivo, anche alle luce di quanto apprendiamo in queste ore in merito all'abbondanza di materiale inviato, è quello di convogliare gli aiuti verso ciò di cui c'è veramente bisogno. A tal fine siamo in contatto con la Protezione civile e don Gianni si è messo in comunicazione con il vescovo di Ascoli Piceno, Giovanni D'Ercole, per capire cosa serve nell'immediato. Sono sicuro che anche questa volta, come sempre in passato, Canepina farà la sua parte".

 (del 30/08/2016 in Cronaca)
 

Il gruppo comunale di protezione civile d'accordo con l'amministrazione comunale e in collaborazione con l'associazione pro Luchiano-Croce Verde, promuove una raccolta a favore dei terremotati

Lugnano in Teverina - Seguire le indicazioni della Protezione civile per fare donazioni in denaro o recapitare generi di prima necessità. La raccomandazione viene dall'amministrazione comunale che chiarisce le modalità di aiuto per le popolazioni terremotate. "Il gruppo comunale di protezione civile - rilegge in una nota del Comune - d'accordo con l'amministrazione comunale e in collaborazione con l'associazione pro Luchiano-Croce Verde, promuove una raccolta mirata a reperire il materiale che al momento è necessario. Consigliamo di dare la priorità alle offerte in denaro in modo da poter acquistare di volta in volta tutto ciò che concretamente serve ai campi di accoglienza, in base alle indicazioni dei volontari del gruppo di Prociv comunale di Orvieto a cui il Comune fa riferimento". Nella sede della Croce Verde, oltre alla raccolta delle offerte in denaro, verranno date indicazioni a quanti volessero donare generi di prima necessità. Il Comune ricorda anche il conto corrente attivato dalla Regione Umbria a cui la Protezione civile attingerà per specifiche azioni da mettere in campo e che è IBAN CC IT 32R0200803033000104429137 "Regione Umbria_Sisma_Agosto2016". Intanto il museo civico è rimasto aperto domenica scorsa per l'intera giornata aderendo alle indicazioni del ministero dei Beni culturali. Il ricavato delle offerte per gli ingressi è stato devoluto alle popolazioni colpite dal terremoto. Anche l'incasso della festa del Ghetto della vecchia contrada Borgo è stato donato alle in favore delle aree colpite dal sisma.  (ptn 634/16   11.30)

 (del 30/08/2016 in Cronaca)
 

Si è svolta lunedì 9 novembre l'iniziativa che ha visto protagonisti i ragazzi dell'Istituto comprensivo

Canepina - Si è rinnovata anche quest'anno la collaborazione tra il Comune di Canepina e Legambiente per "Puliamo il mondo", l'edizione italiana di "Clean Up the World", il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo. La manifestazione, che si è svolta lunedì 9 novembre, ha visto protagonisti i ragazzi dell'Istituto comprensivo che hanno pulito alcune parti del paese e gli spazi antistanti gli edifici scolastici. Sono intervenute prima e seconda media e la quinta elementare dell'Istituto, accompagnati dai rispettivi insegnanti. All'iniziativa hanno partecipato anche il sindaco Aldo Maria Moneta, il vice sindaco Manuela Benedetti, l'assessore Carlo Palozzi e il consigliere Giuseppe Savi.

Anche quest'anno, quindi, Comune e Istituto comprensivo si sono dimostrati attenti alle tematiche ambientali e sostenitori di iniziative dall'alto valore educativo. Un ringraziamento da parte dell'amministrazione anche agli operai del Comune che hanno coadiuvato le operazioni di pulizia.

 (del 10/11/2015 in Cronaca)