conivar banca cattolica cro
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Ben venti (due in più dello scorso anno) sono i Comuni di tutt'Italia che hanno concesso il patrocinio all'iniziativa

32x49Orvieto - L'offerta estiva castellese 2017, fra le più ricche del territorio orvietano, avrà ancora i suoni della musica classica e lirica per la sedicesima volta.

Tante sono infatti le edizioni dei "Corsi Estivi di Perfezionamento e di Interpretazione Musicale", promossi dall'Amministrazione Comunale di Castel Viscardo sin dall'anno 2002.

Come tutte le tradizioni che si rispettano, viene riproposta integralmente la formula didattica dedicata al pianoforte e al canto lirico, con l'eccezionale docenza dei Maestri Isabel Yi Man Chuan, Roberto Abbondanza e Riccardo Cambri, quest'ultimo nella doppia veste di insegnante e direttore artistico.

"Anche quest'anno siamo riusciti ad organizzare i Corsi Musicali Estivi a Castel Viscardo", afferma il baritono Abbondanza, fra i più stimati cantanti lirici del momento. "La cosa ci riempie di orgoglio e di gratitudine verso l'Amministrazione Comunale che ancora una volta ci accoglie e sopratutto ci sostiene, perché reggere per tanto tempo in un settore dove l'offerta didattica si è moltiplicata, e oggettivamente elevata nel valore, non è facile. Ancora una volta avremo numerosi allievi di tutte le età arrivare dal territorio umbro e dall'oriente, rotta verso Castel Viscardo, località che ormai i giovani musicisti, molti di ritorno per la seconda, terza e anche quarta volta, conoscono bene. Voglio solo ricordare il gruppo proveniente da Hong Kong, dal Wah Yan College Kowloon: tutti ragazzi tra i 14 e i 16 anni. Credo che ormai sia la 7ma od 8va volta che il loro Professore, Lesley Chan, li guida qui in Italia. Sono reduci dalla vittoria in un importante concorso internazionale corale a Singapore. Siamo orgogliosi che un piccolo seme della musicalità italiana abbia così bene attecchito in un luogo tanto lontano da noi. Siamo certi che questo si debba al nostro lavoro appassionato ma anche alla splendida accoglienza che ogni estate Castel Viscardo riserva a tutti noi. Ricordo ancora che pure quest'anno la Signora Judy Chu, proveniente dalla Scuola Dragon Bay di Pechino, consegnerà ad alcuni degli allievi più meritevoli borse di studio del rilevante valore totale di 4000 euro. Un altro grande risultato dei Corsi di Perfezionamento di Castel Viscardo".

Ben venti (due in più dello scorso anno) sono i Comuni di tutt'Italia che hanno concesso il patrocinio all'iniziativa, insieme ad altre istituzioni socio-culturali locali come il Centro Studi Città di Orvieto, l'UNITRE - Università delle Tre Età di Orvieto e la TeMa. Questa fitta rete di relazioni istituzionali porterà all'organizzazione, durante il prossimo anno accademico, di concerti musicali dei quali saranno protagonisti i migliori corsisti.

Numerosi saranno i premi ed omaggi offerti da sponsor privati locali che andranno ad incoraggiare i nuovi talenti della musica.

La durata delle Master Classes sarà da domenica 23 luglio a mercoledì 16 agosto 2017; nei weekend saranno organizzati concerti pubblici dove avranno occasione di esibirsi tutti gli studenti giunti a Castel Viscardo.

 (del 23/07/2017 in Eventi)
 

Al via il 13 luglio

San Venanzo -  Omar Pedrini, Tricarico, Gianluca Grignani ed i Cluster: sono loro i protagonisti della decima edizione di "In. Canto d'Estate", il festival della musica d'autore in programma dal 13 al 16 luglio presso il parco comunale Villa Faina di San Venanzo di Terni. La manifestazione è organizzata dalla locale Pro Loco con il patrocinio del Comune di San Venanzo e la direzione artistica di Filippo Pambianco.

"Questo festival - afferma Marsilio Marinelli, sindaco di San Venanzo - è diventato una delle manifestazioni più importanti del nostro territorio. Fa conoscere questo angolo di Umbria, la zona di San Venanzo e del Monte Peglia, che merita attenzione. Speriamo di avere un'affluenza di pubblico adeguata".

Tutti i concerti, ad ingresso libero, cominceranno dalle 18 con band locali (il coro di 50 elementi "Joyfull", Michele Rosati, Rachele Fogu e i musicisti della scuola Pentagramma di Perugia) per poi proseguire alle ore 21,30 con gli artisti nazionali e chiudere con Dj set selezionati (dj Emiliano Pinnacoli, dj Raffaele Orsi e dj Lenny Federico Molini).

Aprirà la decima edizione della kermesse (giovedì 13 luglio) Omar Pedrini, ex leader dei Timoria; la sera dopo calcherà il palco Tricarico, cantautore esploso sulla scena musicale italiana nel 2000 con il singolo - grande successo dell'anno - "Io sono Francesco". Sabato, nell'unica data in Umbria, nel main stage ci sarà il cantautore milanese Gianluca Grignani, che ha esordito a Sanremo Giovani nel 1994 con la canzone "La mia storia tra le dita".

Si chiuderà domenica con i "Cluster", gruppo vocalist fondato a Genova nel 2004 da cinque giovani studenti del Conservatorio Paganini. Hanno partecipato a "X Factor" e condiviso i palchi con star del calibro di Andrea Bocelli, Mario Biondi, Gigi D'Alessio, Fiorello e molti altri.

Prima di ogni esibizione  sarà possibile assaggiare i prodotti locali: pasta fatta a mano, tartufo del Monte Peglia e Sella di San Venanzo. Ma non mancheranno la cacciagione, l'oca arrosto, la torta al testo e le degustazioni di prodotti tipici. Nella serata di domenica 16 luglio, poi, l'eccellenza in tavola sarà la bistecca di vitellone a taglio libero, cotta la momento. Tutto accompagnato dai migliori vini delle cantine del territorio.

SPETTACOLI LIVE AD INGRESSO GRATUITO

Un decimo compleanno che la Pro Loco di San Venanzo, organizzatrice del Festival di Musica d'Autore, festeggia con un ricchissimo programma su quattro serate ricche di buona musica.

Giovedì 13 Luglio, apertura con un rocker d'autore: Omar Pedrini. Ex leader dei Timoria, il cantante bresciano da subito ha voluto prendere parte al Festival già dai primi contatti. La sua lunga carriera ha visto molte trasformazioni, iniziando dall'avventura con i Timoria del 1986. Poi passata per un primo album da solista del 1994 (Beatnik - Il ragazzo Tatuato di Birkenhead). Nel 2002 si concede una "pausa di riflessione di cinque anni" dai Timoria e debutta al Festival di San Remo con "Lavoro Inutile" vincendo il premio dei giornalisti.

Esce così il suo secondo album da solista - Vidomar - ma ne giugno dello stesso anno è costretto ad interrompere ogni attività per una delicata operazione successiva ad un aneurisma aortico. Riprende ad esibirsi dopo qualche tempo e torna a collaborare con i Timoria ma anche con altri artisti. Dopo aver realizzato la colonna sonora e partecipato come attore al film di Pupi Avati si rimette in campo e realizza altri due album fino a "Che ci vado a fare a Londra? Storie dal Pianeta Blu".Questa decima edizione dedicata ai cantautori proseguirà ospitando sul palco di "In.Canto d'Estate", Tricarico.

Venerdì 14 Luglio presenterà il suo album uscito nel 2016 - album che è accompagnato anche da una mostra di quadri e disegni- che mette in luce lo spazio artistico in cui si muove il cantautore esploso sulla scena musicale italiana nel 2000 con il singolo-grande successo dell'anno- "Io sono Francesco". Nel 2002 apre i concerti di Jovanotti per poi iniziare una collaborazione con Patrick Bonifei (Casino Royale, Soul Kingdom) e Fabio Merigo (Reggae National Tickets) con i quali produce e arrangia il suo nuovo lavoro "Frescobaldo nel recinto".

Dieci canzoni che spaziano dal funk al soul, passando dal punk rock e dalla canzone d'autore con cui Tricarico si riconferma un incantatore capace di portarti via con la sua musica mettendoti davanti a tutta la felicità e la malinconia del mondo.

Sabato 15 Luglio nell'unica data in Umbria, nel main stage del Festival di Musica d'Autore- 10 edizione, salirà Gianluca Grignani. Chi non ricorda il suo singolo lanciato a San Remo Giovani nel 1994 che recita: ".e c'è una cosa che io non ti ho detto mai, i miei problemi senza te si chiaman guai .". La sua canzone, "La mia storia tra le dita", emoziona la platea del Festival di San Remo Giovani e lancia il cantautore milanese nella scena musicale italiana. Mai scontato, mai banale. Grignani ha vissuto gli ultimi dieci anni a briglie sciolte, in bilico fra rock e pop.

La sua è una costante sperimentazione di molteplici forme di espressione artistica. Nel 1995 la poetica inquieta del cantautore viene consacrata dallo strepitoso successo, sempre al Festival di San Remo, con "Destinazione Paradiso". Gianluca poi incide l'album d'esordio che oltre ai due successi sanremesi, include l'altro singolo molto amato dai fan "Falco a metà": conquista in un anno anche il Sudamerica e vince il telegatto come "artista rivelazione dell'anno". È la personalità forte e l'intelligenza vivace mista ad un talento artistico senza briglie che portano Grignani nel 1996 a stravolgere le attese pubblicando un album rivoluzionario per il mercato discografico italiano: esce "Fabbrica di Plastica". Un disco cult che continua a vedere ancora oggiAggiungi un appuntamento per oggi.

Dopo aver pubblicato tre album in tre anni e onorato con altre partecipazioni il Festival che lo ha lanciato, dimostra sempre più una vena creativa irrefrenabile e mai scontata. Scrive anche per Laura Pausini e partecipa all'incisione del brano "DomaniAggiungi un nuovo appuntamento per domani" dopo il terremoto dell'Aquila. Risponde alla chiamata della De Filippi e regala una canzone per uno dei partecipanti al talent di canale 5 che riscuote discreto successo. Scrive un'autobiografia nel 2010 e nel 2011 fa uscire il suo ultimo album "Natura umana".

Il concerto sul palco di Villa Faina, ripercorrerà tanti anni di carriera del cantautore mai scontato che dal Festival di San Remo Giovani, ha regalato emozioni continue e mai scontate in questi 23 anni di carriera.

Si chiuderà domenica 16 luglio 2017 questa decima edizione di "In.Canto d'Estate" con i CLUSTER. Gruppo di vocalisti fondato a Genova nel 2004 da cinque giovani studenti del Conservatorio Paganini. Da allora hanno girato l'Italia e l'Europa mostrando il loro stile unico, che combina elementi di pop e jazz fusion. Il loro primo album "Cement" del 2007 è il primo disco della storia italiana a ricevere tre nomination si CARA (Contemporary A Cappella Recording Awards) raggiungendo il primo posto in iTumes nell'Aprile 2008. Partecipano ad "X Factor" e pubblicano uscendo un EP di brani eseguiti nel talent di Sky.

Negli ultimi anni i Cluster hanno condiviso i palchi con star come Andrea Bocelli, Mario Biondi, Gigi D'Alessio, Fiorello e molti altri. Una serata speciale che chiuderà questo decimo compleanno della manifestazione "In.Canto d'Estate- Festival di Musica d'Autore", ormai divenuto un appuntamento dell'estate per gli amanti della buona musica. (ptn 496/17   12.30)

 (del 06/07/2017 in Eventi)
 

Sabato 8 luglio in borgo antico, Filippetti: "Iniziativa importante per riscoprire radici e valorizzare storia e cultura del vivere lento"

Parrano - La storia medievale delle origini di Parrano, i giullari, le arti e i mestieri insieme alla cucina medioevale rielaborata in chiave moderna con i prodotti di filiera corta, secondo i protocolli di "ParranoBioDiversa", saranno le attrattive della prima edizione di "ParranoMedioevale", il festival del medioevo in programma sabato prossimo nel centro storico. Tra i protagonisti lo chef Alessandro Narducci che preparerà piatti rielaborandoli secondo la tradizione medievale con gli aromi, le spezie e gli ingredienti che erano in uso dopo l'anno Mille. Per gli aspetti culturali il convegno storico che parlerà del 1118, anno di nascita di Parrano, ricordando l'importante figura del conte Bulgarello e le vicende della famiglia nel Basso Medioevo umbro.

In programma gli interventi di Maria Grazia Nico Ottavini, docente di Storia Medievale dell'Università di Perugia, Augusto Ciuffett, ricercatore e docente di Storia Economica dell'Università delle Marche, del consigliere regionale Umbria, Gianfranco Chiacchieroni, e dell'amministratore delegato della Principato di Parrano, Antonio Bianconi. Come moderatore ci sarà il presidente dell'Ordine dei Giornalisti dell'Umbria, Roberto Conticelli. Per gli spettacoli invece le performance del giullar cortese Gianluca Foresi e dei giullari dell'Allegra Brigata, mentre in serata è prevista la cena medievale con un viaggio sensoriale attraverso l'esperienza gustosa del menù basso medioevale.

"Parrano, con questa prima edizione della festa medievale, - dichiara il sindaco Valentino Filippetti - sceglie di unire tradizione, cultura, spettacolo e nuove sinergie per dare visibilità e possibilità al piccolissimo comune di valorizzare le risorse del territorio, vero e proprio patrimonio rurale, dove il recupero del valore della marginalità diventa invece il punto di partenza. Sarà insomma - conclude Filippetti - un giorno da vivere pienamente, con la possibilità di conoscere, apprezzare e rivivere un periodo storico che ancora oggiAggiungi un appuntamento per oggi ha tantissimi estimatori e appassionati e al quale l'Umbria rende onore con tanti eventi, ognuno con le proprie caratteristiche.

Dentro questo contesto Parrano si inserisce a pieno titolo, sia riscoprendo le origini, sia promovendo i propri prodotti e il valore di vivere secondo i ritmi più lenti ma genuini della propria comunità".   (ptn 499/17   11.55)

 (del 06/07/2017 in Eventi)
 

Il FAI diventa partner del progetto che racconta 20 anni di cambiamenti grazie a internet e, con il suo mondo, i beni aperti al pubblico e i tanti volontari, sarà protagonista della fase di produzione del docufilm

4968_locandina_digitalife_webVarese - Il gruppo di partner di DigitaLife cresce. Il FAI - Fondo Ambiente Italiano si unisce al Parco Nazionale delle Cinque Terre, a Terre des hommes, all'Associazione Europea delle Vie Francigene, all'Anso, all'Ordine dei giornalisti della Toscana per la realizzazione del film collettivo che racconterà i cambiamenti avvenuti negli ultimi vent'anni con uno sguardo proiettato al futuro.
Da questa settimana entra quindi nel progetto anche il FAI. Un accordo che valorizza i tanti aspetti dell'importante fondazione che lavora da anni per la valorizzazione dei beni artistici e culturali in Italia. Insieme all'associazione è nata la domanda da porre agli appassionati di viaggi e visite culturali: "Come è cambiato il modo di vivere la cultura?". Tutti potranno dare una risposta: girando un video e inviandolo attraverso il sito del docufilm  www.digitalife.org
«Abbiamo scelto di partecipare a questo progetto - dice Marco Di Luccio, Responsabile della gestione dello sviluppo dei beni FAI - perché sviluppa temi molto vicini alla missione della nostra Fondazione. Internet è un mezzo di comunicazione che ha aiutato e aiuta a diffondere la conoscenza del patrimonio artistico e culturale italiano a un pubblico ampio e diversificato che può così entrare in contatto anche con il mondo del FAI, con i suoi valori, con i suoi beni e con le sue iniziative».
L'accordo con il FAI permetterà di diffondere la conoscenza del progetto e raccontare così tanti aspetti legati alle scelte del vivere la cultura. Avremo la possibilità di coinvolgere persone provenienti da ogni parte del mondo.
«La cultura e la bellezza - racconta Marco Giovannelli, presidente della Varese Web - sono un patrimonio inestimabile per il nostro Paese. Il FAI da anni svolge azioni di grande valore proprio per valorizzare tanti beni, spesso nascosti, e il cui interesse è notevole. L'attenzione ai territori è un elemento centrale per conoscere meglio i tanti aspetti della vita in Italia. In questo il FAI potrà essere di grande stimolo per il progetto di DigitaLife».
Dall'avvio del progetto sono già arrivati centinaia di video. Tante letture diverse circa il rapporto nella propria vita con il digitale e con Internet. «Il lavoro procede e costruiremo il film insieme a voi - spiega Francesco G. Raganato, già regista di documentari per Sky e Rai - Sarà un lavoro collettivo nel vero senso della parola. La volontà è quella di creare una community che dia linfa vitale al film giorno per giorno. E' una sfida in tutti i sensi, a partire dal fatto che daremo l'opportunità a chiunque di raccontare la sua storia e condividerla."
Riconoscimenti
Tutti i video verranno pubblicati in diversi spazi e coloro che parteciperanno con l'invio di un proprio lavoro, riceveranno un riconoscimento da parte della produzione. Ogni due settimane poi sarà scelto un filmato particolarmente rappresentativo dello spirito del film e all'autore verrà offerto un weekend per due persone in una località italiana. Tutti coloro che verranno scelti per far parte di DigitaLife saranno inseriti nei titoli di coda del film e nei credits ufficiali dell'opera.
Social
Per rimanere aggiornati, o per entrare a far parte della comunità che nei prossimi mesi "costruirà" il film, DigitaLife avrà una presenza attiva su Facebook, Instagram, Twitter e YouTube. Per qualsiasi altra richiesta è possibile scrivere a digitalife.film@gmail.com
Il regista Francesco G. Raganato
È stato scelto da Varese Web tramite un bando a cui hanno partecipato 230 registi e vedomaker.  Ha diretto diversi documentari per il programma "La storia siamo noi" di Giovanni Minoli su Rai2, realizzando poi prodotti anche per La7 e History Channel. Parallelamente alla TV lavora ad alcuni film-documentari, creati apposta per il cinema e l'on-demand. "L'Isola Analogica", su alcune vicende legate al consumo accidentale di LSD nella piccola isola di Alicudi nelle Eolie, vince il Gran Premio del Mediterraneo/Prix Italia, festival a cui partecipano le maggiori emittenti televisive europee. Dopo qualche anno esce al cinema e poi in dvd per Feltrinelli Real, "Tsunami tour", l'unico documentario che racconta la prima campagna elettorale di Grillo. Con "Looking For Kadija", mette in scena un picaresco viaggio in una sconosciuta Eritrea, riuscendo a raccogliere numerose testimonianze sulle condizioni di vita nella ex-colonia italiana. Questo documentario, prodotto da RAI Cinema, vince il primo premio al Festival del Cinema di Roma nel 2013. Tra i suoi ultimi lavori c'è la serie "Islam Italia", ideata e condotta da Gad Lerner per Rai3, attualmente candidata al Prix Italia.
Il Fondo Ambiente Italiano
Promuovere in concreto una cultura di rispetto della natura, dell'arte, della storia e delle tradizioni d'Italia e tutelare un patrimonio che è parte fondamentale delle nostre radici e della nostra identità. E' questa la missione del FAI - Fondo Ambiente Italiano, fondazione nazionale senza scopo di lucro che dal 1975 ha salvato, restaurato e aperto al pubblico importanti testimonianze del patrimonio artistico e naturalistico italiano.
La produzione Varese Web
Varese Web è l'editore di Varesenews, il quotidiano online della provincia di Varese che nasce nel 1997. Allora la connessione era ancora una condizione di pochi. Il giornale negli anni è cresciuto grazie alla capacità di esser parte delle proprie comunità. È stato un elemento di spinta per diversi territori per far crescere la cultura digitale e oggi  ha raggiunto 4 milioni di lettori al mese, 188mila fan sulla pagina Facebook, 20mila follower su Instagram e 15mila su Twitter. La produzione del docufilm DigitaLife è solo una delle iniziative che sono in programma per festeggiare i 20 anni della testata giornalistica.

 (del 24/06/2017 in Eventi)
 

Natura, benessere e cultura saranno protagonisti

Parrano -  Natura, benessere e cultura saranno protagonisti della "Festa dell'Acqua" promossa dal Comune e che si svolgerà dal 23 al 25 giugno. Tante le iniziative a cominciare da venerdì 23 con l'evento "La spiaggia di Cantone", una mostra di conchiglie fossili di Roberto Gentili. A seguire, il 24, al Parco termale, "Il profumo dell'acqua. Natura, wellness end empathy".  Infine, il 25 giugno, "L'acqua benedetta", l'inaugurazione del recupero dell'affresco nella pieve di Montelungo. La "Festa dell'Acqua", fa notare il sindaco, Valentino Filippetti, si inserisce in un più vasto programma dedicato anche alla terra, all'aria e al medioevo e che prende il nome di "Parranobiodiversa". "E' un progetto complessivo - spiega Filippetti - con il quale partecipiamo al Psr dell'Umbria.Durante questi incontri vengono presentati i prodotti e organizzate le degustazioni delle aziende che hanno aderito  al bando. Con il continuo miglioramento delle condizioni di vita e con l'aumento della popolazione, la richiesta di acqua cresce sempre più rapidamente. Molti scienziati ed economisti prevedono che se si dovesse continuare a consumare acqua ad un ritmo sempre maggiore, il futuro della specie umana e di ogni altro organismo vivente potrebbe essere compromesso. Eppure l'acqua è straordinariamente diffusa sul pianeta e copre oltre il 75 per cento della sua superficie. Si prevede che fra venti anni la quantità media di acqua pro capite diminuirà di un terzo rispetto ad oggiAggiungi un appuntamento per oggi mentre il cibo diventerà sempre più abbondante. Si prevede quindi che in futuro il vero problema non sarà la carenza di cibo, ma di acqua. In realtà di questa sostanza ce ne sarebbe a sufficienza per soddisfare i bisogni di una popolazione anche di venti miliardi di uomini ma la sua distribuzione non è omogenea e i consumi conseguentemente mostrano un profondo squilibrio nelle diverse zone del pianeta".   (ptn 459/17   11.45)

 (del 18/06/2017 in Eventi)
 

Narni - Avrà anche, per la prima volta, una sezione di storia al centro storico l'edizione de "Le Vie del Cinema" in programma dal 3 all'8 luglio nella location del Parco dei Pini di Narni Scalo. Giunta alla sua 23esima edizione il festival coniugherà cinema e storia. Ogni pomeriggio, all'auditorium Mario Bortolotti del complesso del San Domenico si svolgeranno lezioni di storia con l'ausilio di spezzoni di film.

Il tema scelto segue la traccia del libro di Angelo D'Orsi "1917. L'anno della rivoluzione", attraverso il quale sarà costruita una narrazione che tratterà gli avvenimenti rilevanti aprendo squarci su fatti minori, capaci di far penetrare nell'atmosfera di quell'anno. Al San Domenico saranno proiettate parti di film come "Ottobre" di Eisenstein", "La grande guerra" di Monicelli, "I giorni del cielo" di Terrence Malick e "Mata Hari" interpretata da Greta Garbo. A condurre le lezioni, insieme a importanti storici italiani, saranno Alberto Crespi e Angelo D'Orsi che inseriranno i film nel contesto storico che raccontano e in quello nel quale sono stati realizzati.     (ptn 454/17 )

 (del 15/06/2017 in Eventi)
 

Il programma dell'evento ambientato nel XIII secolo, fa rivivere in occasione del "Corpus Domini", momenti di storia e tradizione locale d'epoca medioevale

    (ON/AF) - ORVIETO - Promosso dall'Associazione Orvieto 1264 (l'anno dell'istituzione della "Bolla Transiturus") e con il patrocinio dal Comune / Assessorato alla Cultura e della Regione Umbria si svolge dal 16 al 18 giugno 2017 alla Fortezza Albornoz di Orvieto l'evento "Ludi alla Fortezza" che nel periodo della solennità del Corpus Domini intende valorizzare la storia la storia locale, culturale, artistica, artigianale ed enogastronomica di Orvieto, mettendo in risalto beni architettonici, bellezze ed unicità naturali.

     

    Altro obiettivo dell'evento, di cui Gianluca Foresi è ideatore e direttore artistico, è quello di diventare un vero e proprio punto di riferimento nell'ambito delle rievocazioni storiche e dei parchi tematici del Centro Italia, rispettando il dato storico per attrarre gli appassionati e i cultori della materia, rivitalizzato con forme di spettacoli e di intrattenimento che siano appetibili per un pubblico di più vasto.

    "Ludi alla Fortezza" è una festa per gli appassionati, ma anche per chi vuole semplicemente vivere una esperienza unica, immersa in una cornice indimenticabile. Attraverso il coinvolgimento e la collaborazione di tutte le associazioni della cittadine di carattere rievocativo: Orvieto Ludica, ASD Tislanders, il Gruppo musici e sbandieratori di Orvieto, il Corteo dei popolani, i Balestrieri di Porta Rocca, l'APS EstroVersi, gli UrbeVeteris Falconis, Uisp, la manifestazione darà vita ad uno spettacolo suggestivo animato da: mostre, mercati, esibizioni, spettacoli, momenti ludici e enogastronomici, conviviali, banchetti per la valorizzazione dei prodotti locali; appuntamenti culturali: attività convegnistiche, dibattiti, incontri, presentazioni di libri incentrati sul periodo di riferimento della manifestazione.

    L'evento è ambientato nel XIII secolo ed ha un carattere rievocativo. Attraverso un format emozionale, ridarà nuova vita ad un periodo storico che tanto ha significato per Orvieto e che a distanza di secoli ancora rappresenta l'apice della sua storia. Così, visitatori, turisti e residenti potranno rivivere, attraverso un itinerario creato su misura, eventi che li coinvolgerà attivamente: saranno numerose le attività ludiche alle quali i visitatori potranno dedicarsi con l'ausilio e la guida di esperti che li accompagneranno, fra le quali un percorso di giochi all'interno della fortezza per i bambini e uno per gli adulti, tiro con la balestra, sbandieratori, falconeria.

    Diverse le delegazioni di altre città italiane che parteciperanno ai Ludi alla Fortezza, fra queste: Cava dei Tirreni (Sa), Mondaino (Rn), Viterbo, Acquasparte (Tr), Chiusi (Si), Sansepolcro (Ar), Montefalco (Pg), Ripaberarda (Ap), San Gemini (Tr), Cortona (Ar), Bolsena (Vt).

    Dopo il prologo svoltosi il 30 maggio u.s. al Palazzo dei Sette con la proiezione del film documentario "I Domenicani" sulla storia dell'ordine religioso mendicante, "Ludi alla Fortezza" si apre Venerdì 16 giugno 2017 alle ore 20:30 al Palazzo del Popolo con il banchetto medievale sulla base di ricette storiche e proseguirà con spettacoli e musica.

    Per approfondire i temi del Medioevo orvietano che reca tracce importantissime ed ancora molto evidenti della presenza templare, Sabato 17 giugno ore 17:00 nell'Atrio del Palazzo dei Sette si terrà la conferenza su tema: La leggenda nera dei Templari un approfondimento sulla Storia medievale di Orvieto con la storica Barbara Frale considerata uno dei maggiori esperti al mondo dei Templari, a cura dell'associazione Orvieto 1264, della libreria dei Sette e dalla casa editrice Intermedia Edizioni.

    Chi erano davvero i Templari e quali sono state le principali vicende che hanno accompagnato la storia di questo singolarissimo ordine di monaci guerrieri, per difendere Gerusalemme e la Terra Santa dopo la prima crociata? Come è nata la leggenda nera intorno ad essi che ne ha tramandato un'immagine distorta e avvolta in un alone di mistero? Come distinguere la verità storica dal mito? Come ha fatto la Chiesa a giustificare l'esistenza di un ordine di monaci dediti alla guerra e all'omicidio?

    Barbara Frale, Ufficiale dell'Archivio segreto del Vaticano, è considerata una dei massimi studiosi dei Templari e della Sindone, argomenti a cui ha dedicato numerosi libri. Nel 2001 ha fatto molto scalpore la tesi sostenuta nella sua pubblicazione "L'ultima battaglia dei Templari. Dal codice ombra d'obbedienza militare alla costruzione del processo per eresia" secondo la quale l'accusa di eresia nei confronti dei Templari sarebbe stata costruita ad arte dai giuristi del re di Francia, Filippo IV, mentre papa Clemente V avrebbe addirittura concesso loro l'assoluzione. Questa clamorosa interpretazione del processo ai Templari e della loro soppressione come ordine, deriva dalla scoperta di una pergamena custodita nell'Archivio segreto del Vaticano dalla stessa Frale, fino ad allora mai tenuta nella giusta considerazione dagli studiosi. La Frale sarà intervistata da Claudio Lattanzi, di Intermedia Edizioni

    La giornata di sabato proseguirà alle ore 17:00 con l'apertura dell'ingresso alla Fortezza Albornoz e la sfilata delle delegazioni dei cortei storici dei comuni ospiti e locali aperto dal corteo Orvieto 1264 presenta Gianluca Foresi.

    Alle 18:00 rievocazione dell'ostensione del sacro lino del Miracolo Eucaristico e alle 18:20 la partenza del corteo per le vie della città. A seguire, spettacolo degli sbandieratori e del gruppo storico musicale di Viterbo e degli sbandieratori e musici dei quartieri di Orvieto.

    Alle 19:10 dimostrazione del combattimento Tislanders e spettacolo di falconeria Urbeveteris Falconis quindi alle 20:00 apertura delle taverne medievali nella Fortezza dell'Albornoz con intrattenimenti e spettacoli vari, visita dei mercati e degli accampamenti, alle 21:30 sarà protagonista la Compagnia Santuccio di Chiusi e a seguire la falconeria notturna Urbeveteris Falconis, quindi i Giullari del Diavolo e alle 23:15 fuochiAffini.

    Domenica 18 giugno - Festa del Corpus Domini - alle ore 17:00 apertura dell'ingresso alla Fortezza Albornoz, alle 17:45 ingresso del corteo Orvieto 1264 presenta Roberto Baccello.

    Alle 18:00 rievocazione dell'ostensione del sacro lino del Miracolo Eucaristico e alle 18:20 dimostrazione di combattimenti, mentre alle 18:30 le Muse Diavolo, a seguire, falconeria alto volo Urbeveteris Falconis, esibizione degli Arcieri e Balestrieri della Compagnia Porta Rocca, quindi alle 20:00 apertura delle taverne. Alle 21:30 I giullari del Diavolo, quindi spettacolo di spade infuocate, falconeria notturna Urbeveteris Falconis e alle 22:45 spettacolo finale Virtus et Luxuria Teatro del Ramino.

     (del 14/06/2017 in Eventi)
     

    Otto chilometri di cavi per portare una velocità di collegamento fino ai megabit desiderati

    Amelia- Otto chilometri di cavi per portare una velocità di collegamento fino a 200 megabit. E' la rete a banda ultralarga che Tim sta installando ad Amelia e il cui progetto è stato presentato stamattina in Provincia dal responsabile Access Operations Umbria di TIM, Massimo Pollara, e dalla sindaca Laura Pernazza. L'obiettivo, è stato detto, è quello di rendere disponibili servizi innovativi a cittadini e imprese prevedendo entro il  prossimo mese di luglio di raggiungere la quasi totalità della popolazione. Per la posa dei cavi verranno utilizzate le infrastrutture esistenti sia di proprietà di Tim sia pubbliche, in accordo con l'amministrazione, come ad esempio quella per la pubblica illuminazione. In caso di scavi, saranno utilizzate tecniche e strumentazioni innovative a basso impatto ambientale che minimizzano i tempi di intervento, l'area occupata dal cantiere, l'effrazione del suolo, il materiale asportato, il deterioramento della pavimentazione e, conseguentemente, i ripristini stradali. I lavori sono iniziati da Via Roma e toccherà prossimamente molte altre zone del comune. A partire dalla metà di agosto,secondo Tim,  famiglie e imprese potranno cominciare a usufruire di connessioni con velocità fino a 200 Megabit al secondo, che miglioreranno nettamente l'esperienza della navigazione in rete da casa o dall'azienda, abilitando nuovi servizi. Con la fibra sarà possibile accedere a contenuti anche in HD, giocare on line in modalità multiplayer in alta qualità e contemporaneamente fruire di contenuti multimediali su smartphone, tablet e smart TV. Le imprese potranno accedere a soluzioni professionali evolute sfruttandone al meglio le potenzialità, dalla telepresenza alla videosorveglianza. "Un passaggio importante - è stato sottolineato da Pollara - che apre nuove possibilità per i settori sia pubblici che privati in tematiche come la sicurezza, il monitoraggio del territorio o l'info mobilità. Tutte nuove possibilità per un territorio comunale smart e 3.0. Soddisfatta dell'accordo con TIM la sindaca Pernazza: "permetterà - ha dichiarato -  di portare ad  Amelia una rete di nuova generazione. La banda ultralarga è un elemento essenziale per lo sviluppo e per consentire a cittadini e imprese  di accedere a servizi all'avanguardia. Con questo intervento facciamo un passo in avanti nel diritto alla cittadinanza digitale". "Anche Amelia entra nella lista delle località scelte da Tim per la realizzazione della nuova rete in fibra ottica - ha dichiarato Massimo Pollara - questa moderna infrastruttura di rete consentirà ai cittadini e alle imprese di usufruire di servizi innovativi in grado di contribuire allo sviluppo dell'economia locale e alla sempre maggiore efficienza dei servizi urbani. Si tratta di un risultato reso possibile grazie agli importanti investimenti programmati da Tim e alla collaborazione con l'amministrazione comunale". (ptn 448/17   13.30)

     (del 14/06/2017 in Eventi)
     

    Lo speciale riconoscimento sarà consegnato nel corso della cerimonia di premiazione delle «Mele d'Oro» a Roma il prossimo 16 giugno e in onda su Raidue il 21 giugno

    Orvieto -  La Fondazione Marisa Bellisario ha assegnato le «Mele d'Oro» della XXIX edizione del Premio Marisa Bellisario «Donne ad alta quota», nato nel 1989 e ispirato alla memoria della prima donna top manager del nostro Paese.

    Novità di questa edizione è il premio «WOMEN VALUE COMPANY 2017 - INTESA SANPAOLO», pensato e realizzato dalla Fondazione Marisa Bellisario in collaborazione con il Gruppo Intesa Sanpaolo, riconoscimento riservato alle aziende che si sono distinte nel campo della parità di genere, sia con politiche e strategie di sviluppo e promozione delle carriere femminili sia con azioni innovative ed efficaci di welfare aziendale.

    Lo speciale riconoscimento sarà consegnato nel corso della cerimonia di premiazione delle «Mele d'Oro» a Roma il prossimo 16 giugno e in onda su Raidue il 21 giugno.

    "La Mela d'Oro - ha dichiarato Katia Sagrafena, cofondatrice e Direttore Generale di Vetrya - è motivo di grande orgoglio perché rappresenta un riconoscimento all'impegno che da anni dedichiamo al lavoro e all'attenzione per le politiche innovative che ci hanno portato ad avere il 40% delle posizioni manageriali occupate da donne. È un premio che vorrei condividere con i "ragazzi di vetrya" che con il loro impegno hanno contribuito alla nostra crescita, e dedicare con Luca alle nostre figlie, Alice e Vittoria, perché possano, grande all'impegno di donne come Marisa Bellisario, vivere in un mondo senza disparità di genere".

     (del 08/06/2017 in Eventi)
     

    Sabato 10 e domenica 11 giugno

    di Carlo Fidani

    imageOrvieto - Orvieto torna ad ospitare il raduno delle mitiche utilitarie create dalla FIAT sul finire degli anni 50. Tante le 500 che animeranno piazza del Popolo e Piazza Duomo, rispettivamente il 10 e l'11 giugno e tante le iniziative correlate al Raduno. Sabato è previsto l'arrivo dei più disparati modelli delle utilitarie provenienti da una punta all'altra dello stivale (l'anno scorso Orvieto ha accolto macchine da Bolzano fino alla Sicilia), arrivo programmato dalle 14,30. Un'ora dopo è prevista, invece, anche la visita a Teatro in collaborazione con l'Associazione Te.Ma. e, a seguire, alle 19,30, trasferimento al ristorante "Al San Francesco" per una cena con musica. Il raduno ripartirà, poi, domenica con l'iscrizione dei partecipanti in Piazza Duomo mentre alle 9,30 ancora tutti al Mancinelli per poi visitare la città. Alle 12,00 giro turistico con trasferimento al ristorante "La Penisola" sul Lago di Corbara dove verrà servito il pranzo. Tanti i modelli che arriveranno ad Orvieto ha testimoniare quasi 80 anni di storia dell'auto. Già nel 1936 la Topolino inaugurò un vero e proprio concetto di auto, poi, nel 1957, fu vera e propria rivoluzione nel modo di concepire le vetture e si cercò una macchina che fosse veramente alla portata di tutti. Nel 1991 si cercò un restyling che voleva modernizzare le forme di un successo che doveva essere rinnovato e, infine, nel 2007, arrivò la rivisitazione attuale, con tante varianti in più ma sempre nella memoria.

     (del 07/06/2017 in Eventi)