conivar banca cattolica cro
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Incontro con il regista e il cosceneggiatore lunedì 10 luglio in piazza San Lorenzo a Viterbo

Pif e Michele Astori

Orvieto - Lunedì 10 luglio, a tre anni di distanza da La mafia uccide solo d'estate, gradito ritorno al Tuscia Film Fest Banca di Viterbo di Pif e Michele Astori, che a Viterbo, alle 21.15, presenteranno al pubblico dell'arena di piazza San Lorenzo la loro ultima opera In guerra per amore.

La prevendita dell'evento è aperta sul sito www.tusciafilmfest.com e a Viterbo presso il Museo Colle del Duomo in piazza San Lorenzo. La biglietteria dell'arena aprirà il 10 luglio alle 19.15 in Piazza della Morte.

Nel suo secondo lungometraggio da regista "Pif ripercorre con lo sguardo trasognato, mescolando tenerezza, umorismo e tragedia, punteggiati dalla sua stessa voce narrante, una pagina di storia poco nota (il patto Washington-mafia)". Ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale, In guerra per amore racconta la travagliata storia d'amore tra Arturo e Flora. I due si amano, ma lei è la promessa sposa del figlio di un importante boss di New York. Per poterla sposare, Arturo deve ottenere il sì del padre della sua amata che vive in un paesino siciliano. Squattrinato, ha un solo modo per raggiungerlo: arruolarsi nell'esercito americano che sta preparando lo sbarco in Sicilia, l'evento che cambierà per sempre la storia dell'isola, dell'Italia e della Mafia.

Palermitano, classe 1972, Pif (all'anagrafe Pierfrancesco Diliberto) inizia la sua carriera lavorando come assistente alla regia di Franco Zeffirelli (1998) e Marco Tullio Giordana (2000). Dopo l'esordio televisivo ne Le iene, nel 2007 realizza su MTV Il testimone, suo primo programma individuale di grande successo. La pubblicazione nel 2012 del racconto Sarà stata una fuga di gas nel libro Dove Eravamo. Vent'anni dopo Capaci e Via D'Amelio, anticipa il suo brillante esordio sul grande schermo. La mafia uccide solo d'estate è stato, infatti, uno dei maggiori successi cinematografici del 2013 aggiudicandosi due David di Donatello (miglior regista esordiente e Premio Giovani) e due Nastri d'argento. Nel 2016 la sua seconda opera da regista, In guerra per amore, vince il David Giovani 2017.

Cosceneggiature insieme a Marco Martani dei due film diretti da Pif, Michele Astori è autore televisivo di programmi di approfondimento e di storia. Tra i suoi lavori principali Altra Storia, Passato prossimo: Gli zoo di Berlino, Storia Proibita del novecento italiano e Complotti. Insieme a Francesca Comencini ha scritto il documentario In fabbrica (vincitore del Premio Cipputi al 25° Torino Film Festival). Dal settembre 2014 conduce insieme a Pif il programma I provinciali su Radio 2.

Martedì 11 luglio appuntamento con Roberto Faenza e il suo ultimo lavoro La verità sta in cielo, sulla vicenda della scomparsa dell'allora quindicenne Emanuela Orlandi. Mercoledì 12 luglio sarà poi la volta del regista Francesco Bruni con Tutto quello che vuoi, interpretato da un grande Giuliano Montaldo.

Per ulteriori informazioni: www.tusciafilmfest.com.

 (del 09/07/2017 in Film/Cinema)
 

Disponibili e fruibili su "Movies & Tv Football" su sportmoviestv.com il Portale internazionale dell'immagine sportiva che spazia dalla tv al cinema, alla cultura sportiva della FICTS - Federation Internationale Cinema Television Sportifs a cui aderiscono 116 Nazioni

Cristiano Ronaldo, il Barcellona F.C. di Messi, Suarez e Neymar dei ricord, le inchieste scomode sul calcio europeo nell'anno degli scandali UEFA e altre storie di campioni sono disponibili e fruibili - dal 6 marzo 2017 - dagli utenti nella nuova Sezione "Movies & Tv Football" su sportmoviestv.com il Portale internazionale dell'immagine sportiva che spazia dalla tv al cinema, alla cultura sportiva della FICTS - Federation Internationale Cinema Television Sportifs a cui aderiscono 116 Nazioni (presieduta dal Prof. Franco Ascani IOC Member for "Culture and Olympic Heritage Commission") riconosciuta dal Comitato Internazionale Olimpico (CIO).

Sportmoviestv.com arricchisce di nuovi contenuti con l'inserimento di altre Sezioni nella barra di navigazione.

· 300 VIDEO, 96 DISCIPLINE SPORTIVE, 8 SEZIONI PER 965 VIDEO

300 film sportivi, tra cui documentari, reportage, cortometraggi, lungometraggi, fiction, cartoon, etc., prodotti dalle principali case di produzione, network televisivi più importanti sono a disposizione gratuita degli utenti e degli appassionati di sport e di cinema. Calcio, tennis, boxe, ciclismo, sport estremi, nuoto, basket, etc. sono alcune delle 96 discipline sportive disponibili e fruibili dall'utente che può rivivere le emozionanti performance di 1540 Campioni di tutti i tempi. Grazie alla partnership con WCPMedia Services (http://www.wcpmediaservices.com/) azienda leader nel settore IT per l'audiovisivo, sulla piattaforma WCP sono presenti 300 film sportivi scelti tra i partecipanti alle varie edizioni di "Sport Movies & Tv". La nuova esclusiva play-list del canale ufficiale video della FICTS, accessibile dalla Sezione "Video", è stata migliorata con l'inserimento di trailer, per un totale di 965 video (di cui 147 sono le produzioni sul calcio) suddivisi nelle 8 Sezioni competitive a "SPORT MOVIES & TV".

· SPORT MOVIES & TV 2017 - 35th MILANO INTERNATIONAL FICTS FEST

"SPORT MOVIES & TV - 35th MILANO INTERNATIONAL FICTS FEST", Finale Mondiale del "World FICTS Challenge" il Campionato Mondiale del Cinema, della Televisione, della Cultura e della Comunicazione sportiva (articolato in 16 Festival nei 5 Continenti) in programma a Milano dal 15 al 20 Novembre 2017. Sei giorni di Tv, Cinema e Cultura sportiva, un qualificato momento di incontro per Network mondiali (tra cui i rappresentanti dei 1.172 canali televisivi sportivi dei 5 Continenti), new media, case di produzione, produttori, registi, Comitati Olimpici e Federazioni sportive, campioni sportivi, radio, agenzie pubblicitarie e di comunicazione che illustreranno l'universo della televisione e del cinema sportivo attraverso documentari, spot, reportage, fiction, cartoon, etc. in una delle 8 le Sezioni competitive. Le iscrizioni sono aperte: http://www.sportmoviestv.com/2017/01/09/sport-movies-tv-finale-milano-dal-15-al-20-novembre-2017/ .

· CULTURE THROUGH SPORT

Il "Programma di Cultura ed Immagine Sportiva", che rientra nel quadro delle Raccomandazioni dell'Agenda Olimpica 2020 del CIO, evidenzia i nuovi programmi ad hoc realizzati dalla FICTS in partnership con la "Foundation Culture and Olympic Heritage del CIO" per promuovere ulteriormente la pratica sportiva come necessità educativa e sociale diffondendo in particolare il concetto della "Cultura attraverso lo sport".

· FICTS E GIOVANI: SPORT FOR ALL

La Sezione "FICTS e Giovani: Sport for All" con il Programma "L'educazione allo sport attraverso le immagini - Proiezioni nelle Scuole" che la FICTS realizza nelle Scuole primarie e secondarie di Milano e Provincia. Il programma degli incontri - a titolo gratuito - prevede la presentazione di video sull'importanza dello sport come investimento sociale e come strumento di educazione, di formazione e di inclusione dei suoi protagonisti, intervallato da un dibattito con studenti e insegnanti, che mettono in luce l'aspetto formativo ed educativo dello sport. 60 le scuole a Milano nella fase 2017.

· TV SPORT EMOTIONS

"Tv Sport Emotions" è la Sezione dedicata ai Network televisivi sportivi. La FICTS, quale "Federazione Internazionale delle Televisioni Sportive" con un brand affermato nell'industria audiovisiva e dei New Media internazionali ha lanciato una campagna di promozione riservata ai Network con Canali sportivi televisivi, proponendo lo sviluppo di una specifica azione per il settore. Lo IACUS - Centro Studi della Federazione, in collaborazione con il Master Universitario in "Sport Management Marketing and Sociology" (diretto dal Presidente FICTS Prof. Franco B. Ascani), ha condotto una ricerca sui 1.172 Canali Televisivi Sportivi di tutto il mondo dedicati esclusivamente allo sport nelle sue diverse declinazioni.

SPORT DA "OSCAR" SULLO SCHERMO

"10 Films Sportivi Da Oscar": al link http://www.sportmoviestv.com/10-films-sportivi-oscar/ è aperta la sfida tra i film sportivi vincitori del Premio "Oscar" di tutti i tempi: Sylvester Stallone in "Rocky", Robert De Niro in "Toro scatenato", Clint Eastwood in "Million dollar baby", Hugh Hudson regista di "Momenti di Gloria", etc. Il film sportivo più votato dal web e da 16 Giurie Internazionali in ciascuna delle sedi del "World FICTS Challenge", sarà premiato il 19 Novembre alla presenza dei protagonisti a Milano (Italia) in occasione della Finale "Sport Movies & Tv - 35th Milano International FICTS Fest" (15 al 20 Novembre 2017)..

 (del 08/03/2017 in Film/Cinema)
 

Prosegue lunedì 6 marzo la rassegna invernale del Tuscia Film Fest. Sullo schermo Oscar Martinez, Coppa Volpi al Festival di Venezia 2016

Orvieto - Nuovo appuntamento con Altre Prime, rassegna invernale del Tuscia Film Fest. In programma lunedì 6 marzo, al CineLux di Viterbo (Viale Trento), la proiezione de Il cittadino illustre di Gastón Duprat e Mariano Cohn, Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile ad Oscar Martinez al Festival di Venezia 2016.

Previsti due spettacoli, alle ore 18 e alle ore 21, con un costo del biglietto d'ingresso di 5 euro.

Protagonista del film è Daniel Mantovani, premio Nobel per la letteratura, che nel suo antiretorico discorso svedese ha profetizzato che la massima onoreficenza farà di lui un monumento, spedendolo anzitempo al museo. Da cinque anni, infatti, non scrive niente di nuovo, e sono più gli inviti che rifiuta di quelli che accetta. Quando però arriva via lettera una richiesta da Salas, minuscolo paese argentino, decide di andare. A Salas Mantovani è nato e cresciuto, e da là è fuggito, senza mai tornare, quarant'anni or sono, costruendo la sua identità sul rifiuto di quel luogo e della sua mentalità. Una volta in Argentina, lo scrittore è oggetto di un'accoglienza trionfale, ma col passare dei giorni le cose peggiorano, le sue opinioni non piacciono, si solleva un malumore sempre più generalizzato, un'aria di violenza.

Registi e produttori argentini, Gastón Duprat e Mariano Cohn iniziano a collaborare alla fine degli anni '90 con la creazione dell'innovativa e interattiva Televisión Abierta. In campo cinematografico esordiscono nel 1998 con il lungometraggio Enciclopedia, seguito nel 2006 da Yo Presidente, un documentario che ottiene il Primo Premio all'International Festival of Independent Cinema del Messico e il Premio come miglior documentario al Malaga Film Festival. Nel 2008 realizzano El Artista (The Artist), presentato in concorso alla 3ª edizione del Festival Internazionale del Film di Roma e accolto positivamente dalla critica. L'anno dopo dirigono El hombre de al lado (The Man Next Door), vincitore di numerosi premi in patria e all'estero. Dopo Living stars (2014), partecipano al Festival di Venezia 2016 con El ciudadano ilustre (Il cittadino illustre), Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile ad Oscar Martinez. Il film viene scelto per rappresentare l'Argentina al Premio Oscar per il miglior film straniero 2017.

Il prossimo titolo della rassegna Altre Prime - che proseguirà fino al 10 aprile - sarà Il cliente di Asghar Farhadi lunedì 13 marzo.

Per ulteriori informazioni: www.tusciafilmfest.com.

 (del 02/03/2017 in Film/Cinema)
 

La speciale ricorrenza sarà celebrata durante la 35a edizione di "Sport Movies & Tv -Milano International FICTS Fest

sportfilmgermam.jpgMilano - Sono passati 50 anni dalla organizzazione del primo Festival nella storia del cinema sportivo (antecedente la nascita della Federazione Internazionale). Si trattava dello "Sport Filmtage Oberhausen - Internationales Film und Fernesh Festival" organizzato nel 1967 - in accordo con i regolamenti della FIAPF (Fédération Internationale des Associations de Producteurs de Films) - dalla città di Oberhausen, nella Renania Settentrionale-Vestfalia, in collaborazione con la "German Sporting Association (DSB)", la "German Olympic Society (DOG)", l'"Association of the German Sporting Press".

La speciale ricorrenza sarà celebrata durante la 35a edizione di "Sport Movies & Tv -Milano International FICTS Fest" (www.sportmoviestv.com), Finale di 16 Festival (nei 5 Continenti) del "World FICTS Challenge" Campionato Mondiale della Televisione, del Cinema, della Cultura e della Comunicazione sportiva che Milano (Italia) ospiterà, dal 15 al 20 Novembre 2017.

Il "Numero 50", infatti, sarà predominante nel 2017 per la FICTS - Federation Internationale Cinema Television Sportifs a cui aderiscono 116 Nazioni (presieduta dal Prof. Franco Ascani IOC Member for "Culture and Olympic Heritage Commission") riconosciuta dal Comitato Internazionale Olimpico per il quale promuove i valori dello sport attraverso le immagini, unico Festival, articolato in 16 Fasi nei 5 Continenti, che offre alle opere partecipanti un'alta visibilità internazionale.

La FICTS celebrerà anche le star che quest'anno spegneranno 50 candeline. L'attrice americana Julia Roberts, Premio Oscar come "Miglior Attrice" nel film "Erin Brockovich - Forte come la verità" di Steven Soderbergh, diventata famosa dopo la commedia di successo "Pretty Woman" (1990) con Richard Gere e l'attrice e produttrice Nicole Kidman Premio Oscar come "Miglior Attrice protagonista" in "The Hours" (2002) diretto da Stephen Daldry, "Ambasciatrice di buona volontà" per l'UNICEF dal 1994, saranno insignite dalla FICTS della "Excellence Guirlande d'Honneur" a Milano a "Sport Movies & Tv 2017".

Sono passati 50 anni dalla scomparsa di "3 miti" del cinema e dello sport italiano e mondiale. Primo Carnera, il primo pugile italiano ad aver vinto il più prestigioso titolo mondiale dei pesi massimi, che, dopo aver appeso i guantoni al chiodo, si dedicò al cinema negli Stati Uniti.

Spencer Tracy, attore statunitense, Premio Oscar quale "Miglior Attore" in due edizioni consecutive per "Capitani coraggiosi" (1938)  e "La città dei ragazzi" (1939) inserito dall'American Film Institute tra le più grandi star della storia del cinema, ricordato per il suo lungo sodalizio, artistico e sentimentale con l'attrice Katharine Hepburn.

Totò, attore simbolo dello spettacolo comico in Italia, soprannominato "Il principe della risata", considerato uno dei maggiori interpreti nella storia del teatro e del cinema italiani, nel 1948, è il protagonista di "Totò al Giro d'Italia" di Mario Mattoli, primo film dove il nome di Totò compare anche nel titolo, al quale parteciparono numerosi campioni di ciclismo dell'epoca: Fausto Coppi, Gino Bartali, Fiorenzo Magni oltre all' allora Campione del Mondo Alberic Schotte.

La FICTS vuole celebrare le principali ricorrenze di quell'anno per le quali sono state individuate particolari iniziative nell'ambito di "Sport Movies & Tv" (15 - 20 Novembre): sei giorni di Tv, Cinema e Cultura sportiva, qualificato momento di incontro per Network mondiali (tra cui i rappresentanti dei 1.182 canali televisivi sportivi dei 5 Continenti), new media, case di produzione, produttori, registi, Comitati Olimpici e Federazioni sportive, campioni sportivi, radio, agenzie pubblicitarie e di comunicazione che illustreranno l'universo della televisione e del cinema sportivo attraverso documentari, spot, reportage, fiction, cartoon, etc. in una delle 8 le Sezioni competitive: 1) Giochi Olimpici, 2) Documentari, 3) Trasmissioni Tv e Nuove Tecnologie, 4) Sport & Società, 5) Sport & Disabilità, 6) Movies, 7) Sport & Pubblicità, 8) Movies & Tv Football.

Il Festival, caratterizzato da un'ampia partecipazione internazionale (giornalisti, operatori ed esperti del settore, campioni sportivi), è articolato in Proiezioni (150 opere selezionate tra cui Anteprime mondiali ed europee, immagini Olimpiche esclusive, etc.), Meeting, Workshop, Mostre, Conferenze Stampa, Eventi collegati, Premiazioni di ospiti internazionali.

Aperte le iscrizioni a "Sport Movies & Tv 2017". Il Regolamento ufficiale e la "Scheda d'iscrizione" http://www.sportmoviestv.com/2017/01/09/sport-movies-tv-finale-milano-dal-15-al-20-novembre-2017/

 (del 09/02/2017 in Film/Cinema)
 

Il 10 Febbraio  presso i locali dell'Associazione Ex Art alle ore 21:00

Cagliari - Gianluca Medas racconterà gli anni tra il 1915 e il 1925, gli anni di maggior splendore per il cinema muto: capitali, investimenti, lusso sfrenato, droga e gossip. In quel periodo gli attori del Cinema Muto sono divi, osannati come divinità. Tra la stampa scandalistica che rincorreva segreti pruriginosi e il Codice Hays che imponeva una ferrea morale il mondo del Cinema Muto viveva gli ultimi anni di gloria.
Alla fine degli anni '20 infatti l'avvento dell'audio miete numerosissime vittime. Pochi tra i divi del Cinema Muto resistono ad una velocissima e improvvisa caduta verso l'oblio, molti di loro finiscono in miseria o si tolgono la vita.
Sono tante le storie di quegli anni che si dovrebbero raccontare, storie di artisti importanti, di pellicole dimenticate e di vite sgretolate sotto il peso della fama e del repentino declino.
Gianluca Medas racconterà la nascita del gossip e i suoi protagonisti, gli scandali, i misteri e i segreti scabrosi che hanno dominato gli anni d'oro del Cinema Muto con l'ausilio di foto e video
.

EPOPEA DEL FILM MUTO si sta svolgendo dal 29 Dicembre al 10 febbraio. Esagerazioni retoriche al limite dell'assurdo, tecnica di recitazione piena di enfasi, espressività e azione corporea esasperata, tecniche sorpassate sostituite ormai da altre: più vere, efficaci e minimaliste. Eppure . dietro a queste immagini del primo 900 si celano personaggi degni di rispetto, pionieri e rivoluzionari, registi innovativi e attori straordinari capaci di raccontare i turbamenti del loro tempo con uno strumento ancora acerbo. Il valore dei grandi interpreti è racchiuso nell'essenzialità del gesto, nella pantomima, nella capacità di trasmettere l'intensità dell'emozione nell'istante di un gesto. Il 90% di questo prezioso materiale è andato perduto, anche a causa della facile deperibilità con cui venivano realizzate le pellicole. Nonostante ciò sono sopravvissute delle testimonianze di quella straordinaria epopea che fu quella del Cinema Muto. Purtroppo è sempre più raro poter visionare sul grande schermo queste produzioni ed è per questo che l'Associazione Figli d'Arte Medas, assieme all'Associazione Notorius e all'ERSU, si presta a raccontare questa epopea. Sarà l'occasione per conoscere personaggi dimenticati ingiustamente e per rendere omaggio ai pionieri del cinema.

La rassegna si conclude con:

- "Fine di un sogno" il 10 Febbraio.

DOVE Piazza Dettori 9 (presso EX ART) Cagliari.

 (del 06/02/2017 in Film/Cinema)
 

 Mercoledì 1 febbraio al Teatro Boni si cercano i futuri attori e comparse di "Lazzaro Felice"

Acquapendente - Il Teatro Boni di Acquapendente ospita un casting aperto per il film "Lazzaro Felice" della regista Alice Rohrwacher, le cui riprese saranno effettuate in Umbria nell'estate 2017. Il casting si terrà mercoledì 1 febbraio 2017 dalle ore 15 alle 20, presso i locali del Boni in Piazza della Costituente 9.

Dopo il grande successo del film "Le meraviglie" premiato con il Grand Prix al Festival di Cannes 2014, la casa di produzione cinematografica Tempesta ha iniziato in Umbria e nella Tuscia la ricerca per "scovare" i futuri protagonisti del nuovo film della Rohrwacher. Tutti coloro che sono interessati a fare un'esperienza di attore e comparsa in un film possono partecipare al casting di Acquapendente. Sarà sufficiente presentarsi il giorno del casting entro le ore 18 al Teatro Boni, per mettersi in lista e sostenere un breve colloquio con i responsabili. I minorenni dovranno essere accompagnati da un genitore o parente delegato.

Queste le figure ricercate: ragazzo di 15-25 anni, con esperienza di agricoltura o allevamento, amante dell'aria aperta, per il ruolo di protagonista; ragazze di 12-22 anni, amanti della natura e degli animali, per il ruolo di co-protagoniste; bambino di 3-5 anni pestifero e chiacchierone; bambina di 6-10 anni con capelli rossi; famiglie di contadini e allevatori; attori e attrici di compagnie amatoriali e non dell'Umbria e della Tuscia; uomini e donne da 30 a 85 anni partecipanti a gruppi e associazioni di rievocazioni storiche (in particolare gruppi specializzati in rivisitazioni legate al mondo contadino); musicisti, cantanti e gruppi di musica popolare.

 (del 25/01/2017 in Film/Cinema)
 

Lydia Lassila, oro ai Giochi Olimpici di Vancouver, in una foto tratta dal documentario "The Lost Thing"

MIlano - Il Premio "Oscar" Leo Baker sarà ospite a "SPORT MOVIES & TV 2016 - 34th Milano International FICTS Fest" (www.sportmoviestv.com) Finale dei 18 Festival (nei 5 Continenti) del "World FICTS Challenge" Campionato Mondiale della Televisione, del Cinema, della Cultura e della Comunicazione sportiva in programma a Milano dal 16 al 21 Novembre.
Il regista australiano, Oscar nel 2011 con "The Lost Thing" come "miglior corto d'animazione", ha lavorato nelle produzioni di numerose opere cinematografiche hollywoodiane tra cui "Harry Potter", "Superman Returns" e "Where the wild things are" del regista Spike Jonze (Oscar con il film "Essere John Malkovich").
"The will to fly", in concorso a "Sport Movies & Tv 2016", è il documentario (prodotto dalla Binding Films Pty Ltd. - Australia) sulla vita della campionessa olimpica di salto acrobatico con gli sci (freestyle) Lydia Lassila. Dopo una carriera sportiva nella ginnastica artistica (dove ottiene grandi risultati), entra a far parte della squadra australiana di freestyle con la partecipazione a quattro edizioni dei Giochi Olimpici invernali. Da giovane mamma e, contro ogni aspettativa, torna a competere in uno degli sport più pericolosi al mondo per tentare di realizzare un sogno quasi impossibile: vincere l'oro olimpico.
Il film "The will to fly" è una delle 25 Anteprime europee e mondiali inserite nel palinsesto di "Sport Movies & Tv 2016" che saranno proiettate presso il seicentesco Palazzo Giureconsulti, nel cuore della città di Milano (Piazza Mercanti 2 - Piazza Duomo) "Core business" dell'evento (ingresso ad Inviti con Accredito gratuito http://www.sportmoviestv.com/accredito-sport-movies-tv-2016/). Il Festival si articolerà in 145 Proiezioni selezionate tra 73 Nazioni (in 5 Sale di proiezione contemporaneamente), 4 Mostre, 8 Meeting, 2 Workshop, 2 Conferenze Stampa, 7 Eventi Collaterali di sport e cultura distribuiti in diverse sedi della città in collaborazione con organizzazioni culturali, accademiche e sportive, 23 Premiazioni di ospiti internazionali con la collaborazione di BMW Milano e di Sergio Bonelli Editore fondatore della omonima casa editrice leader del mercato del fumetto in occasione dei 30 anni di "Dylan Dog". "Sport Movies & Tv 2016" - dedicato a Bud Spencer e a Pietro Mennea - diventerà un luogo di incontro privilegiato per 5000/6000 operatori ed esperti del settore provenienti da tutto il mondo tra autori, media, Network mondiali (tra cui i rappresentanti dei 1.172 canali televisivi sportivi dei 5 Continenti), case di produzione, major, produttori, radio, registi, Comitati Olimpici e Federazioni sportive, agenzie pubblicitarie e di comunicazione che illustreranno l'universo della televisione e del cinema sportivo attraverso documentari, spot, reportage, fiction, cartoon, etc. in una delle 7 le Sezioni competitive.
La Conferenza Stampa di Presentazione ai Media Nazionali ed Internazionali di "Sport Movies & Tv 2016" avrà luogo Martedì 8 Novembre (ore 11) presso il Palazzo Giureconsulti (Milano) che, Mercoledì 16 Novembre (ore 18), ospiterà la "Cerimonia d'Apertura". Lunedì 21 Novembre (ore 18) avrà luogo la "Cerimonia di Premiazione"a Palazzo Lombardia (Piazza Città di Lombardia 1 - Via Melchiorre Gioia 37) in occasione della "Giornata Mondiale della Televisione".

 (del 22/09/2016 in Film/Cinema)
 

Treviso accoglie per il terzo anno il sole Luna Doc Film Festival che inaugura con una cerimonia, domenica 11 settembre, in ricordo di tutte le vittime del terrorismo. Il Festival, con 28 film internazionali in concorso, vuole promuovere la conoscenza e il dialogo tra culture

Treviso - Dall'11 al 18 settembre torna per il terzo anno a Treviso il Sole Luca Doc Film Festival, XI edizione: 28 i film internazionali in concorso, tra cui molte anteprime e alcuni dei migliori film selezionati dalle rassegne di Palermo e Milano (le altre città del festival). Tre le sezioni: Human rights, che tratterà tematiche inerenti i diritti fondamentali dell'uomo; My journey, racconti umani di migrazioni reali e interiori; Filming cinema, rassegna che racconta le vite per il cinema e l'umano nel dietro le quinte. La sezione fuori concorso Food for life è invece dedicata al cibo come fonte di vita, ma anche come espressione culturale ed esempio di sviluppo sostenibile e vedrà tre proiezioni anticipate da conversazioni con figure di spicco del mondo agroalimentare.

Il Festival, realizzato dall'associazione Sole Luna - Un ponte tra le culture, sotto la Presidenza di Lucia Gotti Venturato, la direzione artistica di Chiara Andrich e Andrea Mura e la direzione scientifica di Gabriella D'Agostino, è insignito anche quest'anno della Medaglia del Presidente della Repubblica Italiana per il suo alto valore sociale e culturale e si terrà in due location nel cuore della città, messe a disposizione dall'amministrazione comunale di Treviso, Palazzo dei Trecento e Ca' dei Ricchi, dove le proiezioni saranno ad ingresso libero.

"Questo Festival - spiega la presidente Lucia Gotti Venturato - ha investito nella forza di un linguaggio come quello del cinema del reale: l'esplorazione della realtà è il mezzo per promuovere e diffondere la conoscenza e il dialogo tra culture. Questo sguardo senza manipolazioni ideologiche o romanzate, senza il distacco asettico dei media, ci mette di fronte alle storie di altri uomini e donne che, in altre parti del Mondo, o tra noi, vivono drammi che ci toccano nel profondo. È l'empatia tra persone la missione di questa edizione simboleggiata dall'hashtag #crearelegami, che abbiamo scelto pensando al brano del Piccolo Principe di Saint Exupery: perché è entrando in contatto che comprendiamo di avere bisogno l'uno dell'altro. Un messaggio che vale non solo per le vite raccontate dai docufilm, ma anche per le giurie, che quest'anno coinvolgono anche le vite "sospese" di chi nella nostra città attende una risposta alla richiesta di asilo, e per il nostro pubblico attraverso "proiezioni inclusive". Ringraziamo infatti Ordine di Malta e ANFAS che consentiranno di partecipare anche a persone svantaggiate da disabilità". Gotti Venturato ha in particolare ricordato l'importanza simbolica della presenza della Giuria Africa, formata da un gruppo di richiedenti asilo presenti a Treviso, ma anche il legame sempre più solido con la scuola attraverso la giuria di studenti.

"Saluto con piacere l'undicesima edizione di Sole Luna e in particolare la terza edizione per la Città di Treviso - è stato il messaggio giunto dall'assessore alla Cultura della Regione del Veneto, Cristiano Corazzari - che si ripropone quale "ponte" ideale tra il Meditteraneo e la Mitteleuropa. Desidero esprimere il ringraziamento a chi ha collaborato e reso possibile questo Festival con l'auspicio che possa continuare ad essere piattaforma e strumento per la conoscenza reciproca, e spazio per nuovi talenti capaci di rinnovare le tradizioni con il linguaggio dell'innovazione. Un Festival e una Città, quella di Treviso, che sono parte integrante di un territorio come quello Veneto nel quale forte è il rapporto tra luoghi, identità e cultura dove il cinema da sempre è riconosciuto quale strumento fondamentale di espressione artistica, di formazione culturale, di crescita sociale e di sviluppo economico,

"Creare legami è quanto il Festival e quanto l'amministrazione hanno fatto in questi anni. Stiamo lavorando - ha affermato il sindaco di Treviso, Giovanni Manildo - a una città inclusiva che sappia rispondere alle esigenze dei cittadini e metterne in rete le forze vive. Il Festival anche quest'anno affronta attraverso il cinema anche la questione del terrorismo, contro il quale tutti dobbiamo lavorare. È di ieri il caso di un Imam espulso da Treviso. Non sia una caccia alle streghe, tuttavia le regole sono regole e vanno rispettate. C'è poi la questione dell'accoglienza: dobbiamo riflettere sui modelli, gli strumenti, le politiche europee e mondiali".

"Questo festival è un'azione corale che ci offre la possibilità di riflettere sui diritti dell'uomo e sulla condizione di tanti Paesi. Confido - ha augurato l'assessore alla Cultura del Comune di Treviso, Luciano Franchin - che la riflessione possa aiutarci a parlare di temi che ci riguardano tutti". Hanno espresso il loro sostegno anche il presidente del Consiglio comunale, Franco Rosi e il presidente della commissione cultura, Sossio Vitale sottolineando la volontà di tenere il festival nel cuore della città e di sostenere la rete dei festival trevigiani. Importante il sostegno del main sponsor Prosecco DOC, rappresentato dal Presidente Stefano Zanette: "Sosteniamo questo festival perché come noi è fortemente radicato nel territorio, ma al tempo stesso ha una profonda vocazione internazionale. Attraverso la sua azione culturale lavora per aprire le nostre menti, per conoscere e rapportarsi ad altre culture".

DOMENICA LA CERIMONIA INAUGURALE IN RICORDO DELLE VITTIME DI TUTTI I TERRORISMI

In accordo con il Comune di Treviso, si è voluto dare un significato profondo all'avvio di questa edizione, scegliendo come data di apertura l'11 settembre, a 15 anni dall'attentato alle Torri Gemelle. Un doveroso omaggio alla memoria delle vittime di ogni terrorismo. La cerimonia si terrà a partire dalle ore 19, nella Sala consiliare di Palazzo dei Trecento e vedrà alternarsi la lettura di brani scelti dal festival Carta Carbone, la musica del giovanissimo violinista Francesco Zanchetta e la voce dei testimoni. Con affetto e riconoscenza, ringraziamo Alberto e Luciana Solesin, genitori di Valeria, che hanno accettato l'invito alla cerimonia.

I RICHIEDENTI ASILO PROTAGONISTI NELLA GIURIA AFRICA

Una giuria di richiedenti asilo ospiti a Povegliano di Treviso presso la famiglia Calò da più di un anno, valuterà alcuni documentari che hanno come tema storie di migrazione. La giuria è composta da sei ragazzi provenienti da Costa D'Avorio, Guinea Bissau, Gambia e Ghana, che hanno voluto chiamare la giuria "Africa" in omaggio alla loro terra di origine. Le loro storie saranno anche raccontate nel documentario Dove vanno le nuvole di Maurizio Ferrari, di cui sarà presentato un estratto.

IL SOSTEGNO ALLE POPOLAZIONI COLPITE DAL TERREMOTO

Il tema del dramma del terremoto, con la sua distruzione materiale e immateriale, entra nel Festival con il film di Emiliano Dante, Habitat-Note personali, documentario che entra nell'intimità di vite spezzate da un evento drammatico e stimola la riflessione sui rischi di una ricostruzione alienante. Il Festival vuole dare il suo segnale concreto di vicinanza alle popolazioni del Centro Italia, oggi colpite e, in collaborazione con l'Ordine del Cavalieri di Malta (organizzazione impegnata a gestire la tendopoli di Amatrice) promuoverà una raccolta fondi durante le giornate di proiezione.

TREVISO, LA VENEZIA IN TERRAFERMA PER IL CINEMA DEL REALE

Mentre si apre questa terza edizione il Festival guarda a nuove sfide, in primis quella di consolidarsi nel territorio stringendo il proprio legame con la Mostra del Cinema di Venezia, che temporalmente precede la rassegna trevigiana. "Vogliamo diventare un punto di riferimento, non solo tra i festival ma anche nell'ambito della produzione e distribuzione del film documentario - spiegano i direttori artistici, Chiara Andrich e Andrea Mura - una operazione che può avvenire solo coinvolgendo le risorse territoriali, sia economiche che culturali, anche grazie alla collaborazione con Treviso Film Commision. Crediamo sia possibile stimolare un mercato locale del cinema. Un primo passo è stato compiuto quest'anno con la realizzazione di un workshop con il regista Andrea Segre: un gruppo di documentaristi emergenti sarà infatti impegnato a girare in città durante il Festival". Siamo inoltre fieri di annunciare la neonata partnership con Doc.it Associazione documentaristi italiani riconosciuta in Italia ed all'estero come l'ente di rappresentanza ufficiale dei produttori e degli autori del documentario italiano.

SOLE LUNA ENTRA NELLE SCUOLE DELLA CITTA'

È nata quest'anno, anche, la prima Giuria della Scuola, composta da studenti e docenti dell'Istituto Turistico "Mazzotti", del Liceo Scientifico "Da Vinci" e del Liceo Artistico di Treviso. La giuria, coordinata dalle professoresse Raffaela Mulato e Paola Brunetta, assegnerà al miglior documentario della sezione My journey un premio offerto dal Lions club di Treviso. Un progetto quello con le scuole che, grazie al sostegno con Poste Italiane, si sta sempre più consolidando: una selezione di film di Sole Luna sarà infatti proiettata nelle scuole e i ragazzi potranno anche cimentarsi con la produzione video in una apposita sezione che farà parte del Festival 2017.

UNA RETE DI FESTIVAL PER TREVISO

Sole Luna Doc Film Festival, tra i firmatari del protocollo "Treviso Festival", crede fortemente nella forza della rete per far nascere nuove attività e contaminazioni e per contribuire a dare vivacità culturale di Treviso. In particolare, nell'edizione che sta per aprirsi si sono concretizzate importanti collaborazioni con i festiva Carta Carbone e TCBF, anche attraverso la presentazione di due film selezionati insieme: "Uccelacci! 10 anni di Becchi Gialli" di Ciaj Anna Rocchi e "Vita Activa. The spirit of Hannah Arendt di Ada Ushpiz.

UNA PARTECIPAZIONE CORALE

Il Sole Luna Doc Film Festival a Treviso è realizzato in collaborazione con il Comune di Treviso, col sostegno di Consorzio di Tutela Prosecco DOC, Poste Italiane, PixartPrinting, Acqua Minerale San Benedetto, Ecor NaturaSì, Consorzio di Promozione Turistica Marca Treviso, Aon. Il Festival è stato insignito della Medaglia del Presidente della Repubblica, è patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dal Ministero dei Beni e Attività Culturali, AGICOM, Regione Veneto, Provincia di Treviso, Università degli Studi di Padova e Ca' Foscari, Ascom, Federturismo e del Touring Club Italiano. Sono main partner TRA, Treviso Ricerca Arte, Zeta Group, Soundrivemotion, e la rete Treviso Festival e ora anche DOC.IT.

 (del 09/09/2016 in Film/Cinema)
 

Giovedì 14 luglio, nell'arena di piazza San Lorenzo, alle ore 21.15, sarà la volta del nuovo documentario del regista diplomatosi presso la New York University Film School

Viterbo - Giovedì 14 luglio settimo appuntamento con il Tuscia Film Fest 2016; a Viterbo nell'arena di piazza San Lorenzo, alle ore 21.15, sarà la volta del film Fuocoammare. Protagonisti della serata il produttore creativo Dario Zonta e il regista Gianfranco Rosi (via collegamento).

La prevendita dell'evento è aperta sul sito www.tusciafilmfest.com e a Viterbo presso il Museo Colle del Duomo in piazza San Lorenzo e presso Enercafè in via della Palazzina. La biglietteria dell'arena aprirà il 14 luglio alle ore 19.15 in Piazza della Morte.

Per il suo nuovo documentario il regista Rosi si è trasferito per più di un anno sull'isola di Lampedusa. Da questa immersione è nato Fuocoammare: Samuele ha dodici anni, va a scuola, ama tirare con la fionda e andare a caccia; gli piacciono i giochi di terra, anche se tutto intorno a lui parla del mare e di uomini, donne e bambini che cercano di attraversarlo per raggiungere la sua isola. Lui e tutti i lampedusani sono i testimoni a volte inconsapevoli, a volte muti, a volte partecipi, di una delle più grandi tragedie umane dei nostri tempi.

Conduttore radiofonico del programma Hollywood party su Radio 3, Dario Zonta è anche produttore di film documentari per il cinema. Tra i suoi lavori La Bocca del Lupo (2009), Tutto Parla di Te (2012), Sacro GRA (2013), Frastuono (2014), Louisiana. The Other Side (2015) e Fuocoammare (2016).

Diplomatosi presso la New York University Film School, nel 1993 Gianfranco Rosi ha prodotto e diretto il suo primo mediometraggio, Boatman. Nel 2001 ha co-diretto Afterwards, presentato alla 57ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. Nel 2008 ha realizzato il suo primo lungometraggio Below the sea level, seguito da El sicario - Room 164 (2010), Sacro GRA (2013), vincitore del Leone d'oro come miglior film alla 70ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, ed il recente Fuocoammare (2016), vincitore dell'Orso d'oro come miglior film alla 66ª edizione del Festival di Berlino.

Nel prefestival, che come di consueto avrà inizio alle ore 19.30 in piazza della Morte, Alessandro Maurizi presenterà al pubblico Ombre Festival, la prima edizione della manifestazione letteraria organizzata dall'Associazione "Mariano Romiti" che si svolgerà a Viterbo dal 20 al 24 luglio. Oltre cinquanta ospiti tra giallisti e scrittori, spettacoli teatrali, concerti, mostre, eventi dedicati a legalità, criminalità, giallo e noir.

 (del 12/07/2016 in Film/Cinema)
 

L'attore Elio Germano, il regista Luca Manfredi e il cast al completo sono pronti per girare mercoledì al centro storico tra Via Garibaldi, Piazza dei Priori e Via Mazzini

Narni  -  Anche Narni sarà set cinematografico della fiction "In arte Nino" sulla vita di Nino Manfredi. Lo annuncia l'amministrazione comunale riferendo che le scene riguardanti la città saranno girate mercoledì al centro storico tra Via Garibaldi, Piazza dei Priori e Via Mazzini dove arriveranno l'attore Elio Germano, il regista Luca Manfredi e il cast al completo. "E' una bella iniziativa - commenta l'assessore alla cultura Gianni Giombolini - che rappresenterà per Narni un'importante occasione di promozione culturale e turistica e ripropone ancora una volta la città medievale come set cinematografico naturale. La vicinanza con l'inizio dell'edizione 2016 de Le Vie del Cinema la rende ancora più interessante anche perché racconta la vita di uno dei più grandi attori italiani, spesso ricordato proprio da Le Vie del Cinema. Durante le riprese - conclude Giombolini - ci saranno delle brevi modifiche alla viabilità. Chiediamo quindi collaborazione ai cittadini se dovessero verificarsi piccoli disagi". La fiction sarà trasmessa da Rai Uno.  (ptn 497/16   16.46)

 (del 05/07/2016 in Film/Cinema)
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21