conivar banca cattolica cro
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

La Zambelli Orvieto si prepara allo sbarco in serie A2 femminile, un debutto storico che impone dei necessari cambiamenti d'impostazione nel club

ORVIETO (TR) - È in pieno fermento il lavoro dello staff dirigenziale targato Zambelli Orvieto che si prepara allo sbarco in serie A2 femminile, un debutto storico che impone dei necessari cambiamenti d'impostazione nel club.

C'è da allestire un organico che possa essere adeguato alla nuova categoria ma c'è sicuramente anche da attrezzarsi sotto il profilo societario per una serie di incombenze che sono tipiche di una categoria che tende al professionismo.

Nei due aspetti, quello del mercato e quello organizzativo, il riferimento principale è il direttore sportivo è Giuseppe Iannuzzi che è già al lavoro: «Neppure il tempo di finire di festeggiare la vittoria del campionato che si riprende a programmare la prossima stagione. Il sogno continua come la collaborazione con la Az Zambelli e col presidente Flavio Zambelli. Quando sono tornato ad Orvieto la scorsa estate avevo il desiderio di completare il lavoro iniziato anni fa nel ruolo di primo allenatore che ci portò alla vittoria del campionato di B2. La sfida era di quelle importanti, la società aveva intenzione di spostare l'asticella più in alto, come consuetudine, e migliorare il secondo posto della passata stagione. Quello che veniva chiesto era quindi di far meglio del secondo posto e provare a vincere il campionato per accedere, grazie alla eccezionale contingenza della riforma in A2. La prima in classifica della regular season quest'anno aveva la promozione diretta, siamo riusciti a centrarla grazie ad una perfetta alchimia tra società, staff ed atlete».

Il club delle tigri gialloverdi vuole continuare a graffiare con la prima squadra ma, pur essendo questa la priorità, si concentra anche su tutti gli altri aspetti di crescita e di fortificazione della base che creano l'indotto per una crescita ulteriore dell'immagine.

«Grazie alla fiducia che mi è stata rinnovata, continua il mio lavoro a tutto tondo nel ruolo di direttore sportivo e di secondo allenatore per quanto riguarda la prima squadra e di direttore tecnico per il vivaio marchiato Az Young. Gli obiettivi crescono ancora, mi aspetta un lavoro di ricerca e miglioramento della struttura e, ove possibile, del roster per affrontare nella maniera più appropriata gli obblighi e le prove che la seconda categoria nazionale ci proporrà. L'entusiasmo è al massimo livello, come pure la consapevolezza del ruolo, degli impegni e delle aspettative che ruotano dentro e fuori il sodalizio rupestre. Raccolgo con umiltà e determinazione la nuova ed entusiasmante sfida. L'impegno è grande ma estremamente motivante e gratificante e ci faremo trovare pronti ai nastri di partenza della prossima stagione sia in A2 e sia nel settore giovanile».

 (del 25/05/2017 in Sport Volley)
 

La Zambelli Orvieto è già proiettata alla stagione che verrà, quella dello storico esordio in serie A2 femminile

amichevole «AZ Zambelli Orvieto - Garden Hotel Ladispoli»ORVIETO (TR) - Dopo la fantastica cavalcata trionfale la Zambelli Orvieto è già proiettata alla stagione che verrà, quella dello storico esordio in serie A2 femminile, un'avventura nella quale non vuole farsi trovare impreparata.

Mentre lo staff dirigenziale studia i documenti da presentare per l'iscrizione al campionato, il presidente Flavio Zambelli ha chiuso la stagione vecchia ed ha già aperto la nuova, dando il via ufficialmente alle operazioni di mercato.

La prima, quella che tutti ormai davano per scontata, è la conferma dell'allenatore Matteo Solforati che dice: «Penso che la prosecuzione di questo rapporto sia la naturale conseguenza della programmazione fatta un anno fa. Quando sono stato chiamato l'estate scorsa l'obiettivo era ambizioso, i play-off come traguardo minimo e la promozione come grande sogno; essere riusciti ad ottenere un risultato così importante in un girone così competitivo è una soddisfazione maggiore ed un orgoglio anche per la società sportiva. Pertanto era logico continuare in questo percorso, d'altra parte la mia scelta era stata fatta in questa ottica, avevo lasciato una squadra in A2 per un progetto che non fosse di un anno solamente, ma a lunga scadenza. L'idea era di centrale la promozione nel giro di due anni ed averla conseguita subito è solo una soddisfazione maggiore. Da parte mia la volontà era chiara sin da allora, c'erano tutti i presupposti per poter proseguire insieme, io per lo meno avevo pochi dubbi, spettava alla società dare un giudizio sul lavoro svolto ed operare la scelta finale».

Per il secondo anno consecutivo il trentacinquenne di origine marchigiana sarà alla guida delle tigri gialloverdi, un piccolo record per il club della Rupe che sul profilo del tecnico si era dimostrato sempre molto selettivo.

«Orvieto ha rispecchiato le mie aspettative, nella scorsa estate avevo preso una decisione sofferta perché avevo visto le potenzialità ed un progetto interessante, una società sportiva molto seria ed un presidente con tanta passione. Non devo tessere le lodi del club ma avere la solidità economica ed avere voglia di crescere è stimolante e rassicurante per chi lavora in palestra, c'è la voglia di migliorarsi e lo stimolo per affrontare questa nuova avventura. L'intento è quelli di crescere tecnicamente, la serie A richiede un impegno senza dubbio maggiore».

Per un professionista come lui che ha trascorso molti anni nella massima categoria la nuova stagione non sarà proprio una sorpresa, la pianificazione del lavoro è già chiara nella sua testa.

«C'è bisogno di crescere sotto alcuni aspetti, essere matricola comporta non conoscere il campionato e dover crescere in fretta come struttura (vedi anche palazzetto), la dirigenza però sta facendo tutti i passi per farsi trovare pronta. Il vantaggio è l'entusiasmo e la voglia di ben figurare, probabilmente avremo anche meno pressioni da risultato, sicuramente a nessuno piace perdere ma il prossimo anno non dovremo per forza occupare le prime posizioni, cercheremo di assestarci, gli obiettivi li individueremo meglio tra qualche settimana, anche in virtù dei gironi che saranno formati. Non sappiamo come sarà la formula del campionato e nemmeno come sarà il nostro organico, di certo scenderemo in campo per dare del filo da torcere a quante più avversarie possibili. Per noi aumenterà il numero degli allenamenti, e probabilmente lo staff tecnico dovrà essere incrementato per avere in palestra una mano in più. La cosa che sarà più importante è lavorare sui dettagli, sulla preparazione delle partite e sul miglioramento».

Dopo due rinunce per Solforati arriva finalmente il momento di essere protagonista alla guida di una squadra nel palcoscenico di A2, una sorta di avvenimento per il tecnico di origine pesarese che l'ha guadagnata tre volte sul campo.

«La prima volta fu una scelta obbligata dato che la società rifiutò la categoria, la seconda è stata una scelta mia. Stavolta avevamo in testa sia io che il presidente questo intento. Non faccio un problema di categoria, non è mai stato un assillo per me ma di certo sono contento di poterla disputare e la voglia di misurarmi in una categoria superiore è ben presente. Che sono capace di allenare la B1 l'ho dimostrato, adesso è arrivato il momento di salire un gradino e ad Orvieto ci sono gli ingredienti per farlo bene».

 (del 20/05/2017 in Sport Volley)
 

Le parole delle tredici protagoniste

Zambelli Orvieto (celebrazione)ORVIETO (TR) - Non si spegne l'eco della straordinaria impresa raccolta dalla Zambelli Orvieto, vincitrice della serie B1 femminile al termine di un campionato nel quale l'avvicendamento al vertice della classifica è stato frequente.

Dopo venticinque giornate di campionato è scoppiata la festa, uno sfogo di gioia irrefrenabile per la tensione accumulata e per il coronamento di un progetto che aveva richiesto tanti sacrifici in palestra.

Le tigri gialloverdi hanno sbranato tutte le avversarie conquistando una serie A storica, la prima volta del club corrisponde anche alla prima volta della città della Rupe che ha riportato l'Umbria nel palcoscenico nobile della pallavolo.

Queste le dichiarazioni delle tredici protagoniste che ancora a caldo hanno ripercorso gli ultimi momenti precedenti all'apoteosi orvietana avvenuta il 29 aprile 2017, data ormai entrata di diritto nel calendario zambelliano.

Serena Ubertini

«Orgogliosa di essere il capitano di questo gruppo. Abbiamo festeggiato tutte insieme fino al mattino. Uno dei gruppi più belli di cui abbia mai fatto parte».

Elisa Mezzasoma

«È stato emozionante mettere a terra il punto della vittoria. La prima cosa che ho pensato è stata, ce l'abbiamo fatta, poi è partita la festa durata tutta la notte ad Orvieto».

Beatrice Valpiani

«Sono corsa a chiamare mia mamma affinché tutta la mia famiglia sapesse della promozione, da quel momento ho ricevuto tantissimi messaggi. Amo giocare a pallavolo, è quello che ho sempre fatto e continua a farmi vivere sensazioni uniche».

Giulia Kotlar

«Finalmente! Era un po' che Orvieto ci provava e soprattutto che io volevo vincere un campionato di B1. Nella mia mente è scolpito l'ace contro Ravenna che ci ha portato al quinto set, li ho capito che avremmo vinto il campionato».

Mila Montani

«Il messaggio più bello che ho ricevuto è "ma allora stavolta la fai la serie A o scappi un'altra volta?" Non c'è due senza tre, e la quarta vien da sé. Io e Bibo (Solforati, ndr) siamo riusciti a vincere per la quarta volta insieme».

Alessandra Guasti

«Caduto l'ultimo pallone per un secondo si è fermato tutto, l'adrenalina è arrivata ad altissimi livelli. Il messaggio più bello che ho ricevuto, è stato da parte dei miei genitori: "Nella vita ci sono giorni indimenticabili ed oggi è uno di questi". emozioni infinite».

Daniela Ginanneschi

«Mi ricordo che sull'ultima azione guardavo Elisa (Mezzasoma, ndr) che si elevava in salto e pensavo, ora la mette giù. Il messaggio più simpatico ricevuto è stato: "complimenti Gina... ma tu non invecchi mai?" E poi un'esplosione di emozioni che non si possono descrivere».

Giulia Rocchi

«Questa splendida squadra probabilmente la porterò nel cuore per sempre. Ora probabilmente i miei festeggiamenti dureranno fino a fine estate, voglio ricordarmela per bene la mia prima promozione».

Elisa Donarelli

«Nel momento della vittoria, guardando le compagne in faccia, ho rivisto tutto il sudore profuso in palestra in questa stagione. Mio fratello a fine partita mi ha mandato una canzone che mi aveva fatto sentire ad inizio campionato, quando aveva saputo degli obiettivi della squadra, voleva dire che c'eravamo riuscite».

Chiara Rumori

«All'inizio non si realizza nulla, mi vengono in mente tutte le parole dette con le compagne prima della partita. Essere promosse in serie A é come un sogno, è qualcosa di fantastico».

Valeria Deanesi

«La cosa che mi ricordo meglio è l'esplosione dei nostri tifosi e del nostro staff che urlava di gioia. Credo abbia ragione chi mi ha scritto che le emozioni che ho provato sabato sera non le vivrò mai più, perchè la prima volta resta unica e indimenticabile».

Giulia Serafini

«Non vedevo l'ora di abbracciare le mie compagne. Ho nei miei occhi l'immagine di tutte noi con le lacrime di gioia, e poi la festa ed i tanti messaggi di congratulazioni».

Lea Vujevic

«Ho provato un'immensa felicità ed una grande emozione, il ricordo indelebile è la doccia che abbiamo fatto fare al presidente. Una mia amica i ha chiamato dicendo: "Ma stai dicendo davvero?" . sarà questo il tormentone dell'estate».

 (del 03/05/2017 in Sport Volley)
 

 Tuum Perugia - Zambelli Orvieto

Zambelli Orvieto (festa)PERUGIA - Quello che tutti speravano e si auguravano si compie, la Zambelli Orvieto vince nell'ultima trasferta del campionato di serie B1 femminile e mette a segno una storica promozione.

Al primo match-point le tigri gialloverdi non falliscono e festeggiano nel derby umbro un successo straordinario che è frutto di una stagione non priva di problemi ma di altissimo livello e in un girone assai competitivo.

La classica ciliegina sulla torta viene messa in casa della Tuum Perugia che combatte ma non riesce a mettere paura alle rupestri, apparse determinate e concrete come non mai dalla prima all'ultima azione.

Al Pala-Evangelisti c'è tensione per il duello tra cugine ma Mezzasoma rompe gli indugi e con attacchi potenti crea un gap notevole (4-12), i tentativi di rimonta sono semplici da neutralizzare e l'uno a zero lo firma ancora Mezzasoma.

Alla ripresa il muro delle padrone di casa comincia a farsi sentire e le porta avanti (9-7), è Kotlar a salire in cattedra e mettere la freccia portandosi a condurre (13-15), una serie di errori allarga il gap e Guasti raddoppia senza esitazioni.

Nel terzo parziale le ospiti partono meglio delle rivali (2-5), le perugine tentano il tutto per tutto inserendo prima Mearini e poi Ragnacci, ma è Catena a riprendere coraggio e mettere il naso avanti (15-11), il momento di difficoltà dura poco perché un cambio di velocità operato da Guasti e Mezzasoma portano a far scorrere i titoli di coda.

Zambelli Orvieto (festeggiamenti)Incontenibile la gioia del centinaio di tifosi orvietani al seguito della squadra che invadono festanti il rettangolo di gioco al grido di "serie A". è il preludio ad una nottata di bagordi per un traguardo di grande prestigio.

La notizia si diffonde rapidamente sui social e piovono complimenti da ogni dove, la società del presidente Flavio Zambelli entra a pieno diritto nell'aristocrazia della pallavolo italiana ed iscrive per la prima volta il suo nome nella seconda categoria nazionale.

L'Umbria torna a rivivere i fasti del recente passato e ad avere una rappresentante nella serie A2, tutto si compie nel tempio del volley regionale, la notizia viene diffusa alle ore 19,29 di sabato 29 aprile 2017.

TUUM PERUGIA - ZAMBELLI ORVIETO = 0-3

(12-25, 18-25, 20-25)

PERUGIA: Catena 9, Martinuzzo 7, Minati 6, Porzio 4, Cruciani 3, Stincone 3, Chiavatti (L1), Mearini 1, Puchaczewski, Gaggiotti, Ragnacci, Gorini. N.E. -Tiberi, Santibacci (L2). All. Fabio Bovari e Daniele Panfili.

ORVIETO: Mezzasoma 22, Guasti 13, Ginanneschi 7, Kotlar 6, Montani 4, Valpiani 1, Rocchi (L1), Ubertini. N.E. - Donarelli, Deanesi, Vujevic, Serafini, Rumori (L2). All. Matteo Solforati e Giuseppe Iannuzzi.

Arbitri: Laura De Vittoris ed Antonella Verrascina.

TUUM (b.s. 9, v. 7, muri 6, errori 13).

ZAMBELLI (b.s. 9, v. 7, muri 6, errori 8).

 (del 30/04/2017 in Sport Volley)
 

Gara dal sapore molto particolare per la palleggiatrice Valeria Deanesi che per diversi mesi si è allenata con le avversarie di turno e per l'opposta Elisa Mezzasoma che torna protagonista nel palasport che l'ha vista muovere i primi passi da giocatrice

Mezzasoma Elisa (attacca)ORVIETO (TR) - La Zambelli Orvieto si prepara ad affrontare il venticinquesimo impegno stagionale con il carico di fiducia derivante dai risultati maturati nello scorso fine settimana ma senza perdere la proverbiale concentrazione.

I tre punti raccolti sabato passato contro una rivale blasonata sono serviti a consolidare la vetta della classifica di serie B1 femminile ed i risultati degli altri campi hanno incrementato il vantaggio sulle più dirette inseguitrici.

Le tigri gialloverdi studiano l'impegno in trasferta di sabato 29 aprile con grande serietà, non sarà affatto facile superare quella Tuum Perugia che occupa la quarta posizione e che non può permettersi di lasciare punti per strada.

L'intenzione delle ragazze del vice presidente Gerenich è quella di continuare la loro marcia predisponendosi a disputare il sesto ed ultimo derby umbro della stagione che può avere conseguenze diverse a seconda del risultato.

La straregionale più alta in grado della categoria donne si disputa in un palcoscenico di eccellenza e conserva un grande fascino, la garanzia per gli sportivi è quella di vedere uno spettacolo con grande agonismo in campo.

Il tecnico ospite Matteo Solforati ha recuperato l'intero organico e si avvicina all'appuntamento potendo disporre di tutte le sue pedine in un match che potrebbe essere decisivo per la corsa alla promozione.

Gara dal sapore molto particolare per la palleggiatrice Valeria Deanesi che per diversi mesi si è allenata con le avversarie di turno e per l'opposta Elisa Mezzasoma che torna protagonista nel palasport che l'ha vista muovere i primi passi da giocatrice.

Conquistando tre punti nelle ultime due gare del girone di ritorno consentirebbe alle orvietane di poter festeggiare una storica promozione, sarà dunque una posta pesante quella in palio e lo sottolinea la crescente curiosità degli addetti ai lavori.

Possibile formazione Perugia: Stincone in regia, Minati opposta, Cruciani e Martinuzzo centrali, Catena e Porzio martelli, Chiavatti libero.

Probabile starting-six Orvieto: Valpiani ad alzare in diagonale con Mezzasoma, Kotlar e Montani al centro della rete, Ubertini e Ginanneschi schiacciatrici ricevitrici, Rocchi libero.

Coppia tutta al femminile anche per la direzione della gara, arbitreranno infatti l'incontro Laura De Vittoris ed Antonella Verrascina.

 (del 28/04/2017 in Sport Volley)
 

Dopo il successo su Firenze e l'allungo in vetta ci sono ancora  due gare da giocare per concludere la stagione regolare. I tre punti di vantaggio sulla seconda in classifica sono un capitale abbastanza importante da difendere

Iannuzzi GiuseppeORVIETO (TR) - La scorsa giornata era temuta alla vigilia ma si è rivelata assai felice per la Zambelli Orvieto che ha festeggiato alla grande il successo su Firenze e l'allungo in vetta.

Si sapeva che gli scontri diretti avrebbero potuto fare la differenza in questa ultima parte di stagione della serie B1 femminile ed i risultati fortunatamente sono stati doppiamente positivi.

Le tigri gialloverdi hanno fatto in pieno il loro dovere ed hanno così approfittato del passo falso della Teodora Ravenna che, uscita sconfitta a San Lazzaro, ha abbandonato la vetta.

Ora le rupestri sono davvero solitarie in testa ed hanno la consapevolezza che, col fondamentale recupero delle infortunate, si possa raggiungere un grande obiettivo.

A commentare il momento è il direttore sportivo Giuseppe Iannuzzi: «Il recupero di Rocchi e Ginanneschi ci ha consentito di avere alternative valide da utilizzare negli ultimi match. Così a San Lazzaro in posto-quattro abbiamo potuto avvicendare Guasti, Ubertini e Ginanneschi e questo ci ha permesso di risalire dal passivo di due set ad uno fino alla vittoria al tie-break. Stesso copione nella settimana successiva a Ravenna e poi in casa col Firenze dove Guasti era in panchina ma influenzata. Il recupero di tutte le effettive ha permesso anche all'allenamento di salire di qualità e livello. Abbiamo costruito la squadra proprio con questi presupposti e ora ne stiamo raccogliendo i frutti».

Ancora ci sono due gare da giocare per concludere la stagione regolare ed i tre punti di vantaggio sulla seconda in classifica sono un capitale abbastanza importante da difendere.

Sabato prossimo andrà in scena a Perugia l'ultimo derby umbro stagionale di un campionato equilibratissimo che darà i responsi per le zone alte della classifica proprio in queste suo epilogo.

«Viviamo questa vigilia con la coscienza dei nostri mezzi e del valore delle nostre avversarie. Le battaglie vinte nei match fuori casa a San Lazzaro e a Ravenna ci hanno dato ulteriore fiducia nei nostri mezzi e lo si è visto la settimana scorsa nella gara in casa contro Firenze vinta grazie ad una prestazione autorevole e convincente. Sabato giocheremo a Perugia contro una squadra ricca di atlete forti ed esperte. Non penseremo di certo al campionato o alla classifica, ci concentreremo sulla gara e sulle avversarie cercando di fare la migliore prestazione possibile e raggiungere il miglior risultato. Sono molto contento di come le ragazze si stanno allenando e di come stanno vivendo questo momento della stagione. Si respira in palestra una bella atmosfera, la squadra, lo staff e la società vivono con il giusto spirito questo momento della stagione. Sabato tutti a Perugia con l'umiltà e la determinazione di chi cerca di raggiungere i propri obiettivi».

Nella venticinquesima giornata le orvietane saranno seguite in trasferta dai propri tifosi che di certo non mancheranno di far sentire il proprio apporto in una gara che, in un modo o nell'altro sarà determinate.

 (del 26/04/2017 in Sport Volley)
 

Zambelli Orvieto - SIA Coperture San Giustino  3 - 1

Kotlar-Guasti (muro)ORVIETO (TR) - Il derby umbro della diciannovesima giornata del campionato di serie B1 femminile disputata al Pala-Papini sorride alla Zambelli Orvieto che riesce ad incamerare l'intera posta in palio.

Le tigri gialloverdi si confermano regine dei confronti regionali, sempre a segno contro le rappresentanti del Cuore Verde d'Italia, e dimostrano di avere l'atteggiamento giusto per affrontare il finale di stagione.

Anche in questa occasione deve soccombere la Sia Coperture San Giustino che è competitiva sino a metà di ogni singolo parziale ma riesce ad imporsi sono nel terzo, gli unici in cui hanno ricevuto ed attaccato meglio delle cugine.

Le padrone di casa giocano bene nelle parti finali di ogni set, evidenziando una buona solidità nella tenuta mentale ed una maggior incisività che si è rivelata anche nel minor numero di errori quando la palla scotta.

Le rupestri del presidente Flavio Zambelli approfittano così dei risultati maturati nei concomitanti scontri diretti al vertice per tornare al secondo posto, mantenendo sempre una lunghezza di ritardo dalla vetta della classifica.

Una prima frazione che Montani e Guasti hanno provato a spezzare sin da subito ma che Spicocchi e Cornelli ha rimesso in asse (14-14). La fase punto locale è poi stata determinante per andare in vantaggio.

Nel secondo parziale l'equilibrio dura sino al 7-7, le incursioni di Montani (sei palle a terra) e di Mezzasoma (sette colpi a segno), procurano il break che porta in dote sei lunghezze di vantaggio ed amministrarle è semplice con un muro compatto.

Il terzo periodo fatica a prendere una piega, le altotiberine vanno avanti e poi sono superate (8-6). Dopo il primo tempo tecnico escono fuori Barbolini e Lisandri che risultano letali, ma è anche la difesa ospite a contenere il ritorno avversario e ridurre le distanze.

La quarta frazione è l'esatta copia opposta, le sangiustinesi vanno al comando e ci restano sino al 7-9. Stavolta sono Guasti e Kotlar a rompere gli indugi, mettendo la freccia ed operando l'allungo che porta al trionfo le orvietane.

 

ZAMBELLI ORVIETO - SIA COPERTURE SAN GIUSTINO = 3-1

(25-18, 25-19, 22-25, 25-11)

ORVIETO: Mezzasoma 22, Guasti 20, Montani 15, Kotlar 8, Ubertini 7, Valpiani 2, Rumori (L), Ginanneschi. N.E. - Vujevic, Donarelli, Deanesi. All. Matteo Solforati e Giuseppe Iannuzzi.

SAN GIUSTINO: Barbolini 13, Lisandri 11, Cornelli 9, Spicocchi 8, Rosa 6, Lavorenti 3, Krasteva (L), Marinangeli 1, Leonardi, Bartolini, Cosetti. N.E. - Sorrentino. All. Pietro Camiolo e Claudio Nardi.
Arbitri: Graziano Gurgone e Claudio Bolognesi.

ZAMBELLI (b.s. 4, v. 9, muri 11, errori 18).

SIA (b.s. 8, v. 8, muri 7, errori 17).

 (del 12/03/2017 in Sport Volley)
 

Sabato 11 marzo le tigri gialloverdi si preparano ad ospitare alle ore 18 nel loro palasport Alessio Papini una delle gare più attese di questa fase finale di stagione regolare

Guasti Alessandra (attacco) (2)ORVIETO (TR) - Turno di grande interesse per la pallavolo regionale, le attenzioni dei tifosi della Zambelli Orvieto e degli amanti delle schiacciate si concentrano sul derby umbro della serie B1 femminile.

Sabato 11 marzo le tigri gialloverdi si preparano ad ospitare alle ore 18 nel loro palasport Alessio Papini una delle gare più attese di questa fase finale di stagione regolare, un match che, a differenza del girone d'andata, riserva molte più incertezze nel risultato.

A contendere i tre punti sono le cugine della Sia Coperture San Giustino che godono di una buona condizione attualmente ed arrivano all'appuntamento sulla scia di ottimi risultati conseguiti con le squadre di prima fascia.

Ecco perché le differenze in classifica adesso potrebbero contare di meno, le rupestri hanno conseguito quasi il doppio di soddisfazioni in termini di vittorie (quindici ad otto) e anche di punti (42 a 22).

Le padrone di casa allenate da Matteo Solforati si affideranno alle volontà e alla determinazione delle atlete che vogliono restare nelle posizioni più importanti per giocarsi le loro carte nella corsa alla promozione.

Sarà importante anche in questa occasione la potenza della schiacciatrice Alessandra Guasti e la freschezza della libero Chiara Rumori, elementi che cercheranno d'incamerare ancora un successo per continuare a respirare aria di vetta.

Le ospiti, che sono coordinate da Pietro Camiolo, hanno sicuramente meno da perdere in questo match e con la testa sgombra da pressioni di sorta possono essere molto pericolose.

A cercare di dare la carica alle altotiberine saranno la centrale Martina Spicocchi e l'opposta Gloria Lisandri, tra le giocatrici più prolifiche e più costanti nel rendimento in maglia biancoazzurra.

Nei confronti diretti guidano le orvietane che hanno trionfato in quattro dei cinque precedenti, inclusi gli ultimi due che sono relativi al Trofeo Agricola Zambelli e all'andata di campionato, ambedue della presente stagione.

Arbitreranno l'incontro Graziano Gurgone e Claudio Bolognesi.

Possibile assetto Orvieto: Valpiani in palleggio, Mezzasoma opposta, Kotlar e Montani in zona-tre, Guasti ed Ubertini martelli di banda, Rumori libero.

Probabili titolari San Giustino: Lavorenti regista in diagonale con Lisandri, Spicocchi e Rosa al centro, Barbolini e Cornelli schiacchiatrici-ricettrici, Krasteva libero.

 (del 10/03/2017 in Sport Volley)
 

La terza posizione della classifica delle tigri gialloverdi, ad una sola lunghezza dalla vetta, testimonia che la concorrenza è agguerrita e sono ben cinque le formazioni che recitano un ruolo di primo piano

untitledORVIETO (TR) - Continua ad essere appassionante la serie B1 femminile, campionato che in questa stagione non finisce di regalare sorprese e nel quale la Zambelli Orvieto resta una delle compagini protagoniste.

La terza posizione della classifica delle tigri gialloverdi, ad una sola lunghezza dalla vetta, testimonia che la concorrenza è agguerrita e sono ben cinque le formazioni che recitano un ruolo di primo piano.

La pellicola che si sta visionando non lascia capire quale possa essere l'epilogo, ma le rupestri hanno intenzione di non subire gli eventi e vogliono scrivere il copione con un classico ma sempre gradito lieto fine.

Dopo la vittoria nel diciottesimo turno la centrale Mila Montani analizza il momento: «Partita molto positiva a Montespertoli, dovevamo ricominciare ad ingranare in vista del rush finale dopo la sconfitta in casa con la Olimpia Ravenna e lo abbiamo fatto nel migliore dei modi, c'è stato solo un appannamento nel finale del primo set per colpa di un paio di errori che ci hanno complicato il finale ma siamo state molto lucide ed abbiamo chiuso positivamente. Per il resto siamo state molto brave a mettere in pratica tutto quello che dovevamo fare e anche ad aiutare Rumori che ha esordito tra le titolari dovendo sostituire l'infortunata Rocchi. Possiamo ancora migliorare parecchie cose per fortuna, sia a livello personale che di squadra, ad esempio ultimamente non abbiamo una buona correlazione muro-difesa dove possiamo dare molto di più, possiamo anche incidere maggiormente con la battuta che deve essere un nostro punto di forza, in entrambi i casi si è visto qualche progresso nell'ultima gara e speriamo di essere sulla buona strada».

La centrale delle orvietane ha messo a terra nove palloni in attacco, fornendo un contributo importante per la conquista della quindicesima affermazione dell'anno e parla della situazione complessiva ed individuale.

«La classifica conferma che c'è molta incertezza, le distanze tra le prime cinque del lotto è pochissima, direi che è ancora più ingarbugliata che non nelle scorse settimane, sono convinta sia molto probabile che alla fine conteranno anche i set vinti e persi per delineare le posizioni migliori. A livello individuale ora mi sento meglio ho passato un brutto periodo alla fine di gennaio quando avevo diversi problemi alla spalla, ho sofferto per un mese ma ora sono tornata ad avere un buon rendimento in attacco, devo migliorare a muro ed in battuta dove non mi sento ancora al top della condizione, avevo trovato un buon rendimento ma l'infortunio ha interrotto questo periodo».

Sabato 11 marzo al Pala-Papini si svolgerà un altro degli interessanti e coinvolgenti derby umbri della terza categoria nazionale, la tifoseria comincia a mobilitarsi per questo confronto che regalerà spettacolo in campo e sugli spalti.

«Per quanto riguarda il prossimo match sarà importante stare attenti perché San Giustino ha vinto con due squadre di vertice dimostrando che non ha niente da invidiare alle altre squadre e che può rendersi molto pericolosa, dovremo essere concentrate e rispettare le direttive tattiche decise dal nostro allenatore durante la settimana».

 (del 08/03/2017 in Sport Volley)
 

Montesport Montespertoli - Zambelli Orvieto   0 - 3

Valpiani Beatrice (alza) (3)MONTESPERTOLI (FI) - Nella diciottesima giornata stagionale la squadra della Zambelli Orvieto ottiene una importante conferma, tornando al successo pieno lontano dalle mura amiche.

Le tigri gialloverdi hanno dovuto affrontare la partita con qualche cambiamento d'assetto dovuto all'assenza di Rocchi e per la prima volta in questa serie B1 femminile hanno schierato la giovane Rumori nel ruolo di libero.

È stato un match combattuto solo nella frazione di apertura quello contro la Montesport Montespertoli che dopo la fiammata iniziale è stata spenta da un muro ospite assai attento e concreto.

L'inizio è equilibrato ma è Falsini a marchiare a fuoco la prima parte operando l'allungo locale (11-8). Le rupestri non si scompongono e facendo leva su capitan Ubertini (sei volte a segno) ribaltano la situazione (17-22). L'ingresso di Pistolesi fornisce nuova linfa alle toscane che annullano due palle-set e si portano in vantaggio (25-24), allo sprint però è Orvieto ad esultare.

Non c'è storia nel secondo periodo che vede protagonista sin dalla prima azione il muro ospite (saranno sei in questa frazione), Mezzasoma e Guasti si danno il cambio affondando colpi duri (7-15). L'ottima ricezione permette di gestire il margine nel finale con una Kotlar devastante che trascina sul due a zero.

Terzo frangente che registra un guizzo delle padrone di casa abili con Calamai a rendersi pericolose, il punteggio resta comunque in bilico sino al 15-16. Qui è il turno in battuta di Valpiani, anche un ace, a causare la scollatura e gli errori di un Montespertoli che non ci crede più portano a calare il sipario.

Trionfo meritato per il collettivo del presidente Zambelli che ha dimostrato di saper sopperire in maniera eccellente a defezioni importanti con una panchina all'altezza, le orvietane tornano così a graffiare e riducono il gap dalla vetta che è adesso ad una sola lunghezza.

MONTESPORT MONTESPERTOLI - ZAMBELLI ORVIETO = 0-3

(26-28, 13-25, 17-25)

MONTESPERTOLI: Sacchetti 8, Falsini 6, Callossi 6, Casimirri 5, Calamai 4, Balducci 1, Lepri (L), Pistolesi 3, Storni, Bechelli, Ceccatelli. N.E. - Coppini. All. Pietrogiacomo Buoncristiani e Fabrizio Balducci.

ORVIETO: Mezzasoma 14, Kotlar 12, Guasti 12, Ubertini 11, Montani 9, Valpiani 2, Rumori (L). N.E. - Donarelli, Vujevic, Ginanneschi, Deanesi. All. Matteo Solforati e Giuseppe Iannuzzi.

Arbitri: Simone Fontini e Sandro Paolieri.

MONTESPORT (b.s. 6, v. 4, muri 4, errori 17).

ZAMBELLI (b.s. 10, v. 4, muri 11, errori 8).

 (del 05/03/2017 in Sport Volley)